Contenuto riservato agli abbonati

La vedova senza la cittadinanza: il caso da Monfalcone approda alla Corte Costituzionale

La pratica di riconoscimento già in corso di un’ucraina da anni residente in città era stata dichiarata improcedibile dalla Prefettura davanti alla morte del marito

MONFALCONE Sarà la Corte Costituzionale a stabilire se una disposizione che regola la concessione della cittadinanza agli stranieri, contenuta nella legge numero 91 del 1992, sia legittima, nel rispettare il principio di tutela dei diritti fondamentali della persona.

Ad arrivare davanti al Giudice della legge è il caso di una donna di nazionalità ucraina, alla quale era stata negata la cittadinanza italiana a causa del decesso del marito, monfalconese.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Indonesia, come una nuova Pompei: l'eruzione del vulcano Semeru trasforma un villaggio

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi