Fondi alle associazioni Il Comune sta pensando alla variazione di bilancio

Sono 68 i sodalizi che hanno  trovato posto nell’albo no-profit dove prestano la loro opera migliaia tra figure dirigenti e cittadini volontari

Luca Perrino / RONCHI

L'amministrazione comunale di Ronchi dei Legionari pensa ancora una volta alle sue tante associazioni. E proprio in questi giorni l'assessorato alle finanze, assieme agli uffici competenti, sta elaborando il piano per la concessione dei contributi ordinari che sarà oggetto di una variazione di bilancio, operazione che dovrà ottenere il placet del consiglio comunale.


«Non facciamo mai mancare il nostro sostegno – ha spiegato il sindaco, Livio Vecchiet – ad un tessuto associativo, quello ronchese, che ha sempre dimostrato di svolgere, con passione e competenza. un'intensa attività sul territorio, promuovendo lo stesso e promuovendo la cultura dello stare assieme e della condivisione. E' sempre stata in cima alle nostre priorità essere collaborativi nei confronti di dirigenti, volontari ed attivisti ai quali va il nostro grazie per ciò che sanno fare e che mettono in cantiere a pieno beneficio della nostra cittadina».

Un patrimonio variegato ed importante. E' quello delle ben 68 associazioni che, a Ronchi dei Legionari, hanno trovato posto nell'ultimo aggiornamento dell'albo del no-profit, voluto già nel 2008 dall'amministrazione comunale proprio per regolamentare il rapporto con i tanti sodalizi e realizzare quella rete che permette alla cittadina, tra le altre cose, di realizzare eventi a livello internazionale.

Sport, musica, associazionismo cattolico, ricerca storica, zoofilia, speleologia. E non solo. Ronchi dei Legionari conta esattamente 68 associazioni che operano nei campi più disparati, presenti all’interno dell’albo del non profit. Associazioni il cui motore viene mosso da non meno di un migliaio tra dirigenti e volontari e che poi, nel caso di quelle sportiva, vantano altrettanti, se non di più, tra atleti e dirigenti.

«Un patrimonio umano e civile non di poco conto – ha proseguito Vecchiet – del quale non possiamo che andar fieri. E' un vanto ed un orgoglio per la nostra comunità che, storicamente, fa evidenziare la sua vivacità e la sua voglia di fare». Ce ne sono di antichissime, come la società filarmonica Giuseppe Verdi, sorta addirittura nel 1869. Altre, come la Fit Planet, sorta solo da pochi anni. Ha una storia importante anche l'As Ronchi calcio, nata nel 1945, ma non meno lunga è la strada percorsa dal baseball ronchese che ha fatto capolino nel 1959. Nel 2020 l'amministrazione comunale ha destinato 75mila euro di contributi ordinari, somma che è finita nelle casse delle associazioni cittadine, ma anche, come è ormai tradizione, anche ad alcune realtà importanti come l'associazione Via di Natale, che opera al centro di riferimento oncologico di Aviano. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

L'orsetto salvato nel Parco d'Abruzzo e ricongiunto alla famiglia: è l'unico caso in Europa

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi