Contenuto riservato agli abbonati

Il Porto di Trieste torna alla normalità

Samer: «Restano solo i ritardi pregressi da assorbire». Intanto aumenta la richiesta di tamponi nel centro medico interno

TRIESTE. «Siamo quasi alla normalità». Questo ha fatto sapere martedì 19 ottobre l’Autorità portuale; questo riferiva un terminalista di peso come Samer, e si sottolineava anche tra i sindacalisti. La quasi normalità per il Porto di Trieste si è raggiunta, appunto, nel pomeriggio di martedì, dopo giorni di presidio dei No Green pass davanti all’area del Molo Settimo e dopo la guerriglia urbana di lunedì, che ha costretto a chiudere per ore le strade di accesso allo scalo, con conseguenze pesanti e inevitabili sull’operatività complessiva.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, "Non una di meno" ricorda le 96 donne uccise quest'anno in Italia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi