Benzina, ipotesi “fascia zero” contro i prezzi sloveni

Bernardis (Lega): «Vanno parificati gli importi con quelli praticati oltreconfine». Vendite su: +104,4% rispetto al 2019

GORIZIA È dalla notte dei tempi che si parla di equiparare i prezzi di benzina e gasolio con gli importi praticati in Slovenia. Perché così si metterebbe fine all’esodo per il pieno e gli incassi delle accise (le tasse sui carburanti) resterebbero in Italia, anziché in Slovenia. Ma, per tutta una serie di motivazioni, quella che sembrerebbe la via d’uscita più logica (e più facile) non ha mai trovato concretezza.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

"Chiara mi vuoi sposare?": la proposta di Ester sul campo di rugby a fine partita a Bari

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi