Green Pass, minacce al presidente del Consiglio Fvg

Una lettera anonima è stata recapitata a Piero Mauro Zanin. La missiva consegnata alla Questura di Trieste

TRIESTE. Una lettera anonima di minacce sulla questione del Green Pass è stata recapitata nei giorni scorsi al presidente del Consiglio regionale del Fvg, Piero Mauro Zanin, nella sede di piazza Oberdan a Trieste. Il presidente ha già provveduto a consegnare busta e lettera alla Questura di Trieste, che ha acquisito la documentazione, ed è pronto a far scattare la denuncia nel caso si dovessero configurare estremi di reato.

Il testo della breve lettera, con annullo postale di Padova - precisa una nota della regione - prende spunto dall’introduzione del Green Pass, definito «strumento inutile e coercitivo», per attaccare il presidente del Consiglio dei ministri e il ministro della Salute, nonché «i presidenti delle Regioni e il loro stuolo di collusi». L’anonimo estensore passa poi ad esplicite minacce. Viene infatti preannunciato «il momento della resa dei conti» con un riferimento all’uccisione di Benito Mussolini in piazzale Loreto.

«Ho ritenuto di recarmi subito dalle forze dell’ordine - spiega il presidente Zanin - per spegnere sul nascere quello che è l’ennesimo esempio di un clima di tensione ed esasperazione. Isolare gli estremismi è il primo dovere delle istituzioni in un momento in cui si cerca faticosamente di trovare un’intesa sulla questione del passaporto sanitario, dialogando con chi esprime il suo dissenso in modo pacifico e costruttivo».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

"Chiara mi vuoi sposare?": la proposta di Ester sul campo di rugby a fine partita a Bari

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi