Contenuto riservato agli abbonati

Trieste, farmacie sotto assedio per le richieste di tamponi: «Telefonate continue e toni sempre più accesi»

Federfarma denuncia la difficoltà a gestire le migliaia di domande di test rapidi. E c’è chi vuole avere l’appuntamento all’alba o a tarda sera. «Siamo esasperati»

TRIESTE Telefoni roventi. Agende piene. E toni sempre più aggressivi da parte di chi prenota i tamponi. A due giorni dall’entrata in vigore dell’obbligo di Green pass, le farmacie della regione, come del resto di tutta Italia, sono sotto pressione. Fino a fine novembre non c’è un posto libero per effettuare un test antigenico rapido. Chi non ha prenotato il tampone in tempo, deve mettersi in lista d’attesa e sperare che qualcuno rinunci.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

La Palma, il drone riprende il fiume di lava che si fa largo tra le case

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi