Contenuto riservato agli abbonati

Trieste, farmacie sotto assedio per le richieste di tamponi: «Telefonate continue e toni sempre più accesi»

Federfarma denuncia la difficoltà a gestire le migliaia di domande di test rapidi. E c’è chi vuole avere l’appuntamento all’alba o a tarda sera. «Siamo esasperati»

TRIESTE Telefoni roventi. Agende piene. E toni sempre più aggressivi da parte di chi prenota i tamponi. A due giorni dall’entrata in vigore dell’obbligo di Green pass, le farmacie della regione, come del resto di tutta Italia, sono sotto pressione. Fino a fine novembre non c’è un posto libero per effettuare un test antigenico rapido. Chi non ha prenotato il tampone in tempo, deve mettersi in lista d’attesa e sperare che qualcuno rinunci.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, nasce il "Coordinamento 15 ottobre"

Rosti di uova e rapa rossa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi