In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

ROMANS

L’orgoglio di aver fatto parte del Corpo degli alpini e di poter indossare il cappello piumato, unitamente al desiderio di rendere omaggio a quanti alpini locali sono “andati avanti” dopo aver onorato i valori umani e solidali. Sono i sentimenti che hanno animato il Gruppo Alpini “Aldo Barnaba” di Romans d’Isonzo, della sezione di Gorizia, dell’Associazione Nazionale Alpini, in occasione della festa per il 70° anniversario di fondazione. Anniversario che gli alpini romanesi, una quarantina, guidati dal capogruppo Marco Azzani, hanno salutato celebrando una messa, officiata da monsignor Luigi Olivo, nella chiesa parrocchiale della frazione di Versa, essendo la chiesa di Romans chiusa dopo il crollo di un pezzo di soffitto. A salutare il traguardo raggiunto dagli alpini di Romans erano presenti i rappresentanti di altri gruppi di alpini dei centri limitrofi coi rispettivi labari: la sezione di Gorizia con il presidente Carlo Verdoliva, i gruppi di Fogliano Redipuglia, Monfalcone, Mossa, Chiopris – Viscone, Fossalon – Grado e Luigi Ronutti ex presidente della sezione di Palmanova. Presenti con i labari il nucleo dell’Associazione Arma Aeronautica e la sezione dei donatori volontari di sangue di Romans, della Fidas Isontina. Nel corso della celebrazione è stata letta la preghiera dell’alpino, poi monsignor Olivo ha ricordato gli ex presidenti romanesi Gregorio Longo, Aldo Barnaba, Antonio Poian, Renzo Poian ed Elvio Ross. —



I commenti dei lettori