Contenuto riservato agli abbonati

Porto di Trieste, il presidente D’Agostino minaccia le dimissioni in caso di blocco a oltranza. Russo: “Sto con lui”. I portuali: “Non indietreggeremo”. Le aziende: “Sì ai tamponi gratis”.

L’annuncio del numero uno dello scalo nel caso in cui venerdì si concretizzasse la minaccia dei lavoratori portuali e le reazioni innescate

ECCO COSA STA SUCCEDENDO NEL PORTO DI TRIESTE, IN BREVE

  • I lavoratori portuali hanno minacciato di bloccare il porto di Trieste se il Governo non ritirerà il decreto sull’obbligo del Green pass sui luoghi di lavoro.
  • Oggi il presidente Zeno D’Agostino ha minacciato di dimettersi nel caso in cui venerdì i portuali decidessero di concretizzare il blocco a oltranza del porto
  • Dopo l’annuncio di D’Agostino i portuali hanno fatto sapere, tramite il portavoce Stefano Puzzer, che non indietreggeranno 
  • Le aziende del porto nel frattempo hanno deciso di pagare i tamponi ai lavoratori
  • Il porto di Trieste subisce i primi danni, con i camionisti che da due giorni preferiscono non prendere l’autostrada del mare dalla Turchia perché hanno paura di rimanere bloccati una volta arrivati nel capoluogo giuliano
  • Il candidato a sindaco...

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Elezione del presidente della Repubblica, prima votazione per il Quirinale a Montecitorio: diretta

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi