Contenuto riservato agli abbonati

A Trieste il crollo del M5s: 16 punti persi nella città del ministro Patuanelli fra mea culpa e accuse ai big

Richetti: «Non siamo stati bravi a spiegare i risultati su Ferriera e porto. Ma un dato così negativo non lo immaginavo». Il consigliere comunale uscente Menis: «L’esito è l’emblema del disinteresse per i territori da parte del M5s nazionale»

TRIESTE Sedici punti in meno rispetto alle amministrative di cinque anni fa. Il risultato del Movimento 5 stelle e della sua candidata Alessandra Richetti è una deludente doccia fredda per la componente triestina del partito di Giuseppe Conte. L’esito del primo turno segue il trend nazionale ed è poca cosa se paragonato al 19,16% che Paolo Menis raggiunse nel 2016, pur senza centrare il ballottaggio.

Video del giorno

Roma-Feyenoord, un uomo albanese ferito alla testa. Tifosi olandesi portati in commissariato

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi