Contenuto riservato agli abbonati

Paolo Mieli chiude Trieste Next: “La manipolazione della memoria, s'intreccia con la divulgazione storica e spesso la deforma”

Foto Lasorte

Traendo spunto dal suo libro “La terapia dell'oblio” il giornalista e storico Paolo Mieli ha conversato sull'argomento con Piero Pruneti, direttore della rivista Archeologia Viva e con Omar Monestier, direttore del Piccolo

TRIESTE Ricostruire la Storia per raccontarla e tramandarla è operazione delicata e complessa. Se i documenti e le testimonianze, da una parte, forniscono la base essenziale per qualsiasi ricerca, bisogna tenere conto delle inevitabili dimenticanze e anche delle omissioni volute che circondano fatti e personaggi. La manipolazione della memoria, quindi, s'intreccia con la divulgazione storica e spesso la deforma. È questo uno degli argomenti del libro “La terapia dell'oblio” del giornalista e storico Paolo Mieli che domenica 26 settembre al Molo IV ha conversato sull'argomento con Piero Pruneti, direttore della rivista Archeologia Viva, e con Omar Monestier, direttore del Piccolo.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid. Bambini a scuola, come evitare i contagi

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi