Croazia, stop alla commissione che indagava sul premier

A bloccare i lavori una sentenza del Tribunale amministrativo. L’organismo si preparava ad aprire un’inchiesta anche a carico del Capo dello Stato Milanovic

ZAGABRIAChi controlla il controllore? In Croazia chi è controllato dal controllore. Un controsenso? Assolutamente no se si tratta di salvare la faccia ai leader politici e far calare l’ombra su chissà quali maneggi occulti.

L’antefatto è molto chiaro: la Commissione contro il conflitto di interessi che da 5 anni opera nel Paese stava per istruire alcuni casi, diciamo così “scomodi”, per la top nomenklatura di Stato, assolutamente bipartisan visto che a fare brutta figura rischiavano il premier Andrej Plenković (Hdz, centrodestra) e il presidente della Repubblica Zoran Milanović (Sdp, centrosinistra).

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, sabato mattina continua il presidio dei portuali

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi