Friday for Future, i ragazzi di Trieste tornano in piazza

Si sono dati appuntamento in piazza Ponterosso

TRIESTE Serve una svolta e serve subito. È quello che chiedono i ragazzi di Friday for Future Trieste, che oggi, venerdì 24 settembre, si sono dati appuntamento in piazza Ponterosso. Al centro dell’incontro slogan sulla tutela dell’ambiente, cartelloni dipinti a mano con messaggi sull’urgenza di salvaguardare la terra e appelli sulla necessità di cambiare un mondo sempre più inquinato.

La manifestazione si ripete ormai da anni, un movimento lanciato dalla giovane Greta Thunberg, che si è diffuso rapidamente in tanti Paesi, un allarme sul clima, una voglia di alzare la voce per chiedere ai Governi di fare qualcosa prima che sia troppo tardi. Dal 2018 ogni anno, in tante piazze, le persone si ritrovano per protestare in modo pacifico, per ribadire l’importanza di comportamenti incentrati sulla sostenibilità. Anche i ragazzi si sono alternati al microfono per ricordare i numeri legati all’emergenza ambientale, i rischi più pesanti per il pianeta e le conseguenze che ormai da tempo si ripercuotono sulla natura, messa sempre più a dura prova dall’inquinamento globale.

«Torniamo a farci sentire - dicono i giovani - dopo un'estate calda, anzi, caldissima. A novembre, a Glasgow, gli stati che nel 2015 hanno firmato gli accordi di Parigi si riuniranno in una conferenza, denominata "COP26", discuteranno come intendono ridurre le emissioni di CO2 nei prossimi anni, con l'obiettivo di riunirsi nuovamente nel 2026. Fino ad ora poco è stato fatto. L'unico modo per sperare che cambi qualcosa è farci sentire adesso». 

Video del giorno

Cop26 - 10. Sos clima, obiettivo: vivere green al 100%

Grano saraceno al limone e rosmarino con rana pescatrice croccante su crema di sedano rapa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi