In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
l’attesa in paese

Il ritorno di Dino Zoff nella sua Mariano Inaugurerà lo stadio

Sabato 2 ottobre prevista la cerimonia con il taglio del nastro Il campione del mondo ritrova il campo sportivo e gli amici

Marco Silvestri
1 minuto di lettura
(ansa)



Il vecchio e glorioso campo sportivo di Mariano, per la prima volta nella storia del calcio locale, ha finalmente quella tribuna coperta, che in tanti hanno sempre desiderato. L’emergenza sanitaria non ha permesso fino ad oggi di inaugurare la nuova struttura. I lavori si sono conclusi da diversi mesi, e si aspettava con impazienza di celebrare l’evento e il ritorno del calcio giocato.

Ora tutto questo è finalmente possibile. Sabato 2 ottobre ci sarà l’apertura ufficiale al pubblico della nuova tribuna. E il taglio del nastro avverrà alla presenza di colui che ha iniziato proprio sul campetto di Mariano la sua gloriosa carriera di giocatore, Dino Zoff, che ha annunciato da Roma, dove oggi abita, il suo ritorno al paese natale, a due anni circa dall’ultima rimpatriata, per vivere assieme al sodalizio calcistico, all’amico del cuore Felice Tofful, a tutti i conoscenti e agli sportivi marianesi questo evento. Tra gli invitati alla manifestazione anche il presidente della Figc regionale Ermes Canciani e il suo staff dirigenziale. La cerimonia di inaugurazione con i discorsi delle autorità si terrà alle 11. Nel pomeriggio, alle 15, è prevista la terza giornata di Prima categoria con Mariano-Isonzo.

Il campo di calcio di Mariano venne inaugurato il 14 settembre 1952 e fu un evento memorabile per la comunità. Per l’occasione la messa domenicale venne anticipata e il campo benedetto dal parroco don Nicodemo Plet in un paese pavesato a festa. Il primo match ufficiale fu il derby tra Mariano e Farra, vinto dai padroni di casa per 3-0 con le reti di Sartori, Poiana e Medeot. E sul nuovo campo di calcio a fare i primi allenamenti della sua inimitabile carriera è stato il portiere Dino Zoff, campione del mondo in Spagna nel 1982.

I lavori di costruzione della copertura della tribuna del campo, su progetto dell’ingegnere marianese Francesco Medeot, erano iniziati nel mese di maggio del 2020 per concludersi proprio in concomitanza con la sospensione dei campionati dilettantistici a causa dell’inasprirsi dei focolai di Covid-19 tra le squadre di calcio. Per la tribuna è stata realizzata una copertura leggera in monopanel dalla lunghezza di circa 23 metri, sostenuta da pilastri e da un’intelaiatura in acciaio. È stato aggiunto un nuovo gradino e posizionati una sessantina di seggiolini di colore rosso che si sposano con il blu della copertura: i colori sociali del Mariano. La spesa è stata di circa 147 mila euro e ha incluso anche un nuovo piccolo magazzino. —



I commenti dei lettori