Contenuto riservato agli abbonati

Trieste, perizia psichiatrica per il giovane che ha ucciso il padre a coltellate

Il gip ha accolto la richiesta avanzata dal difensore del venticinquenne Wahdan. Lui: «Sono Dio»

TRIESTE Sherif Wahdan, il venticinquenne egiziano che venerdì ha ucciso il padre Ashraf con trentatré coltellate nell’appartamento di via Stuparich 14, sarà sottoposto a perizia psichiatrica. La richiesta è stata avanzata dal legale d’ufficio che difende l’indagato, l’avvocato Massimo Scrascia. Il gip Manila Salvà, il giudice che ha interrogato l’assassino, ha assegnato al difensore 15 giorni di tempo per il deposito formale della domanda di incidente probatorio per la perizia.

Lo stesso gip, nella convalida di arresto e di applicazione della misura cautelare in carcere, ha indicato la necessità di procedere con una valutazione della capacità di intendere e di volere del venticinquenne.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Il coraggio della madre elefantessa: per difendere il cucciolo calpesta a morte un coccodrillo

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi