Contenuto riservato agli abbonati

Caracciolo: nella sfida fra Cina e Usa serve un piano per il Mediterraneo

Il direttore di Limes: sì a una zona economica esclusiva da sostenere contro chi vorrebbe ridurci a penisola senza mare

TRIESTE Un piano militare, geostrategico e commerciale per il Mediterraneo. È quello che l’Italia non ha e che deve urgentemente mettere a fuoco secondo il direttore di Limes Lucio Caracciolo, secondo cui Roma non ha una strategia che aiuti il paese a destreggiarsi nel clima di sempre maggiore rivalità fra Stati Uniti e Cina.

A Trieste per parlare di Medioceano: il vecchio Mediterraneo non basta più?

«No, perché il Mediterraneo che abbiamo concepito come mare che separava o congiungeva l’Europa dall’Africa è diventato mare di collegamento fra Atlantico e Indopacifico, quindi strategico nella sfida Stati Uniti e Cina.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid. Bambini a scuola, come evitare i contagi

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi