Contenuto riservato agli abbonati

L’appello dei teatri: «Serve chiarezza per poter ripartire»

Lo spettacolo dal vivo del Fvg rilancia la lettera aperta sottoscritta in tutta Italia: «I nostri sono luoghi sicuri»

TRIESTE. Il mondo dello spettacolo dal vivo chiede certezze, ma anche parità di trattamento. Lo fa anche in Friuli Venezia Giulia, condividendo e rilanciando la richiesta di Andrée Ruth Shammah, direttrice e regista del Franco Parenti di Milano. Una lettera aperta, sottoscritta da colleghi dei più importanti teatri italiani - dal Piccolo allo Stabile dell’Umbria, dalla Fondazione Romaeuropa al Biondo di Palermo - in cui si fa appello al ministro della Cultura Dario Franceschini per «avere l’indicazione di una data per misure meno restrittive sulla occupazione di sale e luoghi all’aperto».

Video del giorno

I soldati ucraini sbagliano a usare il mortaio

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi