Contenuto riservato agli abbonati

Moraro in processione: i candidati a sindaco portano la Madonna

Prossione della Madonna a Moraro. Foto Pierluigi Bumbaca

La festa tradizionale si è svolta per la prima volta in clima elettorale

MORARO A qualcuno che non conosce la realtà magari poteva sembrare un film di Peppone e don Camillo. Invece è la piccola Moraro, poco più di 700 anime, che sfila in processione con in testa due candidati sindaco.

Mercoledì 8 settembre la comunità, infatti, ha rinnovato l’antica tradizione della Natività della Madonna, una delle feste religiose più sentite dal paese. Quest’anno il rito è stato festeggiato con particolare trepidazione perché, dopo tanto tempo, la gente si è potuta ritrovare tutta assieme dopo il periodo di emergenza sanitaria dovuto al Covid-19. La pandemia, seppur ancora presente nella vita quotidiana, non condiziona più l’esistenza delle persone come nel periodo del lockdown.

Ma la festa di quest’anno, per la prima volta si è svolta anche in pieno clima elettorale visto lo spostamento delle elezioni da giugno a ottobre. Erano presenti i candidati sindaci Alberto Pelos (Essere Paese) e Lorenzo Donda (Moraro Insieme): il primo tirava il carro con la statua della Madonna, l’altro portava a lato la lumiera da processione.

Il terzo candidato in lizza Adriano Colugnat (Par Morar) non c’era, perché impegnato a svolgere il proprio lavoro nel turno pomeridiano. Se fosse stato presente, come sempre avvenuto in passato, avrebbe dato la sua collaborazione al servizio di sicurezza con i volontari della squadra comunale della Protezione civile. Insomma, ci sarebbero stati tutti e tre i candidati sindaco a una cerimonia molto sentita.

La gente si è ritrovata al suono delle campane nel piazzale davanti alla chiesa parrocchiale. Per l’occasione il paese era vestito a festa con vasi di fiori sui balconi e sui marciapiedi, con i drappi variopinti alle finestre. La celebrazione dei Vesperi è stata presieduta da don Fulvio Marcioni, decano del decanato di Gorizia, coadiuvato dal parroco di Moraro don Maurizio Qualizza, presenti anche le autorità comunali con il sindaco uscente Umberto Colombo che ha deciso di non ricandidarsi. Al termine della funzione religiosa si è formata la processione accompagnata dalla banda musicale Città di Cormons. I riti si sono conclusi con la benedizione e con l’incontro conviviale nel giardino della parrocchia alla presenza di tante famiglie e bambini e dei rappresentanti delle associazioni paesane.

Video del giorno

Viaggio all'interno della galleria rifugio di Monfalcone: ecco com'è fatta

Burger di lenticchie rosse

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi