Contenuto riservato agli abbonati

Gli storici sulle Foibe: «È stato giusto istituire per legge il Giorno del Ricordo»

A destra Tommaso Montanari

Mentre non accenna a diminuire la polemica dopo le affermazioni del rettore dell’Università per Stranieri di Siena Tomaso Montanari

TRIESTE La legge che ha istituito il Giorno del Ricordo non è sbagliata, né si contrappone alla Giornata della Memoria e al 25 aprile. Gli storici che da anni studiano i massacri delle foibe e l’esodo dei giuliano dalmati sono concordi: è sbagliato l’uso strumentale e politico che si fa di quella legge - come di qualsiasi altra legge - ma il Giorno del Ricordo rimane una solennità civile che anzi fornisce agli stessi storici gli strumenti per una migliore e più ampia conoscenza delle complesse vicende del confine orientale.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid. Bambini a scuola, come evitare i contagi

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi