Contenuto riservato agli abbonati

Recovery, i 100 miliardi destinati a modificare il volto dell’Est europeo

Tra energia pulita, formazione e welfare pronti i Piani di ripresa e resilienza In alcune capitali non mancano però ritardi e tensioni legate agli scenari politici

BELGRADO. Decine di miliardi di euro pronti ad affluire nella regione e a cambiarne, in meglio, il presente e il futuro. Ma anche timori, ritardi, controversie, polemiche infuocate in alcune capitali. Sono queste le diverse facce della medaglia che riguardano i “Piani di ripresa e resilienza” dei Paesi balcanici già parte della Ue e dell’Europa centro-orientale, quei Pnrr cuore pulsante del piano NextGenerationEu.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Calcio, giornalista molestata in diretta tv dopo Empoli-Fiorentina

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi