Contenuto riservato agli abbonati

Trafugato, preso online e messo in vendita a Gorizia: il volume del Kaiser riconsegnato a Vienna

Imprenditore goriziano indagato per ricettazione: il prezioso libro scoperto dai carabinieri durante un controllo in libreria

GORIZIA Aveva acquistato on-line un volume di inizio Novecento e voleva rivenderlo attraverso un negozio specializzata in libri d’epoca, ma non ha fatto i conti con i carabinieri del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale di Udine. Per questo un imprenditore goriziano, classe 1983, è stato iscritto nel registro degli indagati. È ritenuto responsabile del reato di ricettazione. Nessuna responsabilità è stata, invece, ascritta nei confronti dei titolari della libreria incaricata della vendita.

Al centro della vicenda c’è il volume Statuten für den Kaiserlich Österreichischen Franz Josef orden. Edito nel 1908 e pubblicato nel 1918, non è ancora chiaro come sia “scomparso”, quel che invece è certo è che nei giorni scorsi è stato restituito al Console Wolfgang Marchardt dal Console generale d’Austria a Milano Clemens Mantl e dal maggiore Lorenzo Pella, comandante del Nucleo per la Tutela del Patrimonio Culturale di Udine.

Il libro storico è stato riconsegnato al termine di un’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Gorizia, avviata a seguito di un controllo amministrativo effettuato in un esercizio commerciale di settore del capoluogo isontino. Il volume, destinato alla vendita per conto di un privato, ha attirato l’interesse dei militari in quanto edito nel 1908, redatto in lingua tedesca e attinente all’Imperatore Francesco Giuseppe. Nello sfogliare le prime pagine sono stati notati timbri e segni distintivi di appartenenza del tomo alla Biblioteca del Ministero delle Finanze del Deutch-Österreich, Bibliothek der deutschösterreichischen Staatsamtes der Finanzen.

La verosimile proprietà austriaca ha spinto i carabinieri a procedere con il sequestro del volume. Gli accertamenti successivi, svolti anche grazie alla collaborazione fornita dall’Associazione Biblioteca Austriaca, hanno consentito di confermare che il tomo apparteneva al Ministero delle Finanze dell’entità statale sorta nel 1918 (Deutsch-Österreich) immediatamente dopo la caduta dell’Impero Austro-Ungarico (“embrione” della moderna Repubblica d’Austria).

Sono stati attivati anche canali di cooperazione internazionale di polizia che, attraverso Interpol Austria, hanno confermato l’appartenenza del volume alla collezione della Biblioteca del Ministero Federale delle Finanze di Vienna, dove fu integrato a seguito della soppressione del Gabinetto Imperialregio avvenuta il 14 gennaio 1919.

Il prezioso e raro volume storico fuoriuscito illecitamente dalla Biblioteca federale verrà presto riaccorpato alla collezione ministeriale viennese, dove potrà essere consultato dagli appassionati e studiosi di quel periodo storico che stravolse gli equilibri geopolitici europei facendo di Vienna la capitale di una Repubblica e Gorizia “città redenta” del Regno d’Italia.

Video del giorno

Turchia, la furia del minatore non pagato: sale sull'escavatore e distrugge i camion

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi