Contenuto riservato agli abbonati

Il Comune di Trieste assume 80 nuovi operatori in asili, materne, ricreatori

Da sinistra Alberto Polacco, Angela Brandi e Michele Lobianco. Foto di Andrea Lasorte

Le cifre fornite dagli assessori Lobianco e Brandi riguardano l’intera annata 2021 Il ritorno ai concorsi. Il maggior numero di rinforzi riguarda le scuole d’infanzia

TRIESTE Entro il 31 dicembre del corrente anno il servizio Educazione del Comune inserirà nella sua struttura 80 nuovi assunti tra concorsuati e stabilizzati. Dal punto di vista delle destinazioni operative gli “arruolati” saranno 34 per le scuole d’infanzia, 22 per i “nidi”, 24 per i ricreatori.

Il quadro della situazione sul sulfureo settore, che da solo rappresenta più o meno il 40% della forza lavoro municipale, è stato nella mattina del 30 luglio al centro di una comunicazione “combinata” tra l’assessore al Personale Michele Lobianco (forzista) e la collega all’Educazione Angela Brandi (forzista), con la partecipazione del capogruppo comunale forzista Alberto Polacco. Senza dirigenti e senza alleati, l’incontro con l’informazione ha avuto un evidente retrogusto di carattere politico, in considerazione delle recenti schermaglie sulle cosiddette “esternalizzazioni” dei servizi: argomento sul quale la Brandi ha ribadito che non vi è alcuna novità poiché si procede sempre in base alla delibera-madre risalente al 2017.



Il tema occupazionale nell’Educazione municipale è politicamente caldo e tecnicamente complesso. Lobianco, sulla base della delibera varata giovedì dalla giunta, ha spiegato che il 1° settembre, quando ripartirà la macchina organizzativa, il servizio disporrà di 45 rinforzi, che riguarderanno soprattutto le ex materne (34), poi i nidi (4) e i ricreatori (7). Come abbiamo anticipato, entro la fine dell’anno si raggiungerà quota 80 inserendo nuove “reclute” nei nidi e nei ricreatori. L’organico-base del servizio - ha ricordato la Brandi - è composto da 198 educatori dei “nidi”, 247 insegnanti nelle scuole d’infanzia, 140 educatori impegnati nei ricreatori, per un totale di quasi 600 unità.

Sia Lobianco che la Brandi sottolineano la positività del ritorno all’assunzione mediante concorso, metodo che «dà forza e certezza ai servizi educativi comunali», elemento evidenziato anche da Polacco.

Perchè più in generale - ha rilevato il titolare del Personale - alla fine del 2021, sommando tutte le assunzioni passate da pubbliche selezioni, saranno 152 i neo-inseriti nella macrostruttura municipale. Se la parte del leone è giocata dall’Educazione con 80 assunti, vanno menzionati i coordinatori pedagogici, i funzionari contabili, i funzionari programmatori, gli istruttori amministrativi e tecnici, gli agenti di Polizia locale, che tutti insieme raggiungono le 72 unità.

Discorso a parte quello che concerne i dirigenti. A giorni si saprà quanti si sono candidati ai 6 posti messi in palio dalla civica amministrazione, per reintegrare le molte quiescenze di stagione. Tre dirigenze sono amministrative e tre sono tecniche, quattro sono conseguibili da tutti gli aventi diritto a partecipare a livello nazionale, due sono riservate al personale municipale. Intanto, per guarnire i servizi finanziari, è stata recuperata dalla graduatoria Giovanna Tirrico, che ricoprirà l’incarico manageriale per un anno e mezzo prima di andare a sua volta in pensione. Ricordiamo che la Tirrico apparteneva al gruppo dei dirigenti selezionati nel 2017 a tempo determinato e parzialmente (6 su 9) stabilizzati lo scorso anno: l’interessata non era rientrata tra i fortunati vincitori e così è stata ripescata in un secondo momento.

Computando le assunzioni durante il terzo mandato Dipiazza, Lobianco ha detto che il Comune ha provveduto a 379 assunzioni e 161 stabilizzazioni. I pensionamenti hanno proceduto a colpi di 70-80 all’anno, per cui in apparenza sembra esserci un certo bilanciamento: ma l’assessore ha chiarito che alcuni settori, come l’Educazione, sono stati privilegiati, mentre altri sono obiettivamente ancora in sofferenza. —

 

Video del giorno

No Green Pass: ottomila persone sfilano lungo le vie di Trieste

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi