Contenuto riservato agli abbonati

Addio a Luigi Gervasutti, fu direttore di importanti quotidiani

Nato a Palmanova nel 1946, dopo gli studi al liceo classico Stellini di Udine e la laurea in filosofia all’Università di Trieste, Gervasutti, seguendo le orme del fratello Sergio, si è dedicato alla carriera giornalistica

PALMANOVA Si è spento, all’età di 75 anni, Luigi Gervasutti, originario di Palmanova e già direttore di importanti quotidiani. Aveva mosso i primi passi come giornalista proprio al Messaggero Veneto. È mancato nel pomeriggio di giovedì 29 luglio, dopo una breve malattia, a Monza, dove da tempo si era trasferito.

Nato a Palmanova nel 1946, dopo gli studi al liceo classico Stellini di Udine e la laurea in filosofia all’Università di Trieste, Gervasutti, seguendo le orme del fratello Sergio, si è dedicato alla carriera giornalistica, arrivando al nostro giornale negli anni Settanta.


Poco prima del terribile terremoto del 6 maggio del 1976 si era trasferito a Milano dove è stato redattore della “Gazzetta dello sport” e, successivamente, caporedattore del “Giorno”. Ha poi diretto i quotidiano “Brianza oggi”, “Gazzetta del popolo” di Torino e “La Prealpina” di Varese.

Gervasutti ha sempre mantenuto forti legami con la sua terra d’origine. Qualche anno fa, a Palmanova, era stato premiato per la sua carriera, insieme al fratello Sergio e al nipote Ario, tutti e tre accomunati dall’appartenenza alla medesima famiglia e dall’essere stati direttori di importanti quotidiani.

«Mio zio – racconta il nipote Ario – era un friulano vero, serio, rigoroso e generoso. Questa sua formazione l’ha applicata nella professione, come raccontano le molte attestazioni di affetto che stiamo ricevendo in queste ore da parte di colleghi di tutta Italia. Un rigore e una generosità, i suoi, espressi anche in famiglia e trasmessi ai figli che, pur non proseguendo nella strada del giornalismo, hanno incontrato ugualmente il successo in virtù degli insegnamenti di un uomo ricco di umanità».

Luigi Gervasutti lascia la moglie Paola e i figli Marta e Folco. Non è stata ancora comunicata la data dei funerali. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Video del giorno

Isole Faroe, 1500 delfini uccisi sulla riva: un massacro senza precedenti

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi