Contenuto riservato agli abbonati

Il capogruppo leghista gradiscano Cattarin racconta l’incidente di Grado: «C’è stato un contatto, poi sono finito sugli scogli»

Nella rovinosa caduta il consigliere comunale, oltre alla rottura dello zigomo, si è lesionato anche una vertebra e la spalla

GRADISCA. «Ciò che posso dire è che mi sono imbattuto in questo gruppo di persone lungo la diga di Grado. E con una di loro c’è stato un contatto. Di che natura? Lo stabilirà chi di dovere. Di certo sono molto provato, fisicamente e psicologicamente».

Sono queste le uniche dichiarazioni che si sente di rilasciare Massimiliano Cattarin, il 48enne capogruppo consiliare della Lega a Gradisca d’Isonzo, dopo la disavventura che lo ha visto sfortunato protagonista a Grado. Parole che rimandano evidentemente a una deposizione fatta da Cattarin e pronunciate nella tarda serata di lunedì 26 luglio, quando era stato finalmente dimesso dall’ospedale di Cattinara, dove era stato ricoverato a seguito di un brutto ruzzolone – dalla dinamica ancora poco chiara – sugli scogli che costeggiano il lungomare Nazario Sauro.

Il consigliere comunale aveva rimediato la frattura di uno zigomo e lesioni a una vertebra e una spalla, più diverse altre contusioni e traumi facciali, venendo dapprima portato al pronto soccorso di Grado, quindi all’ospedale di Monfalcone e infine a Trieste per ulteriori esami. Lesioni non compatibili con un’aggressione in senso stretto, ma è chiaro che si tratta di stabilire quanto il misterioso contatto ravvicinato con una delle persone incontrate a tarda ora sul lungomare, quando ormai Cattarin si apprestava a rientrare a casa dopo una giornata con una compagnia di amici, sia stato determinante per la brutta caduta del gradiscano. Il quale, comprensibilmente ancora scosso, si trincera dietro un “no comment”. Di certo Cattarin avrebbe dovuto partecipare alla seduta online del Consiglio comunale, in programma mercoledì 28 luglio alle 18.30. E se le condizioni di salute glielo permetteranno, il capogruppo leghista vorrebbe provare a parteciparvi. Quello di Cattarin non è il primo infortunio notturno patito da un consigliere comunale gradiscano in questo mandato: un anno fa era toccato all’assessore e componente della maggioranza, Stefano Capacchione, fare i conti con un brutto ruzzolone serale a bordo dello scooter.

Video del giorno

Isole Faroe, 1500 delfini uccisi sulla riva: un massacro senza precedenti

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi