Folla in piazza della Borsa per manifestare contro Green pass e vaccini

Foto Bruni

L’iniziativa era promossa da Alister (Associazione per la libertà di scelta delle terapie mediche) e da “Vivere o sopravvivere”

TRIESTE. Folla in piazza della Borsa a Trieste nella serata di venerdì 23 luglio per manifestare contro il Green pass e «il vaccino genetico sperimentale “per vivere”»: tutti i partecipanti erano senza mascherine e vicini tra loro.

L’iniziativa era promossa da Alister (Associazione per la libertà di scelta delle terapie mediche) e da “Vivere o sopravvivere”. Su un palco, allestito nel centro della piazza, si sono alternati interventi per ribadire il no alle misure introdotte dal governo. «Il Green pass non è giustificato da niente - ha affermato Walter Pansini, presidente di Alister Trieste - perché tutta l’architettura del Covid si poggia sull’analisi di un tampone che viene usato in modo non scientifico».

«Vergogna», «Assassini», «Non si toccano i bambini» sono tra i cori che si sono levati tra la folla, alternati a fischi. Alcuni manifestanti indossavano al collo cartelli con su scritto “Cittadina italiana discriminata” o “Green pass uguale Apartheid”. Sono stati esposti striscioni con lo slogan “No Green Pass”, con la parola Green sostituita da Black.

Video del giorno

Turchia, la furia del minatore non pagato: sale sull'escavatore e distrugge i camion

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi