Sono 1.350 i sanitari non vaccinati in regione. Riccardi sulla vaccinazione agli studenti: “Raccomandazione, non obbligo”

Il vicegovernatore: “Siamo in testa alle classifiche nazionali per la vaccinazione del personale scolastico, mentre siamo in coda per quello sanitario”

TRIESTE. «A ieri sera circa 1.350 operatori sanitari delle tre aziende del Friuli Venezia Giulia risultavano ancora non vaccinati. C'è una non adesione importante da parte loro, anche se stiamo vedendo dei segnali positivi: i numeri si stanno riducendo, ad aprile infatti erano 5.000». Lo ha detto il vicepresidente del Fvg con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, a margine di un incontro a Trieste.

«In questa regione - ha aggiunto - siamo in testa alle classifiche per la vaccinazione del personale scolastico, mentre siamo in coda per quello sanitario. Se non partiamo dal presupposto che il vaccino è una delle soluzioni soprattutto per assistere la salute degli altri, allora quelle persone non hanno fatto la scelta professionale giusta». E ora l'applicazione della norma, che prevede anche la loro sospensione, «è un problema, perché impatta sull'organizzazione del sistema sanitario».

In regione sono già partite le prime lettere di sospensione a operatori sanitari di Pordenone e Udine; per quanto riguarda Trieste e Gorizia, il direttore generale dell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina, Antonio Poggiana, ha annunciato che «partiranno la prossima settimana». Al momento, ha spiegato, sono 361 i dipendenti di Asugi non vaccinati su un totale di circa 6.300: 25 medici, 176 infermieri, ostetriche, assistenti sanitari, 88 Oss, 65 tecnici.

«Abbiamo mappato eventuali posti ricollocabili, che sono assolutamente marginali, qualche unità. Sto attendendo dal Dipartimento di prevenzione la comunicazione dei nominativi delle persone non vaccinate, che verranno segnalati agli ordini. Noi invece procederemo alla sospensione dal servizio».

VACCINO AGLI STUDENTI

«La vaccinazione non è un obbligo in questo Paese, è una raccomandazione a chi ne ha titolo e la può fare». Così Riccardi, a chi gli chiedeva, a margine dell’ incontro, se fosse necessario introdurre l'obbligo vaccinale per gli studenti in vista del rientro in classe.

«C'è una discussione abbastanza avanzata sui vaccini a scuola da parte delle Regioni - ha affermato - ieri la commissione Salute ha discusso molto di questa vicenda, c'è anche l'opinione di qualcuno che sostiene che bisognerebbe fare la stessa norma che si applica al personale sanitario per il personale scolastico. La scuola è un altro luogo importante, però non è quel punto in cui c'è un contagio più alto.

La scuola è un luogo sicuro, ma c'è un prima e dopo le lezioni. È un tema di cui si sta discutendo, una misura di questo genere in Fvg non avere l'impatto che avrebbe in altre regioni, perché il personale scolastico si è vaccinato quasi tutto. Il tema sono i ragazzi, perché sulle nuove generazioni vediamo come la vaccinazione sia un pò indietro e anche lì c'è un lavoro importante da fare».

In Fvg, ha concluso, l'adesione alla campagna vaccinale nel complesso supera di poco il 60%. «Abbiamo un problema di adesione, che riguarda tutti. Tra i 60 e gli 80 anni dobbiamo fare dei passi avanti, poi ci sono le nuove generazioni che scontano l'essere partite dopo. Inoltre stiamo scontando il periodo: quando vedi che contagio non è cosi esagerato, pensi di averla scampata e che non serve la vaccinazione».

Video del giorno

A Trieste la proposta di matrimonio di Salvatore alla sua Carla nel linguaggio dei segni

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi