Contenuto riservato agli abbonati

La notte magica degli azzurri a Londra: da Barcola a Monfalcone scatta il rito del tifo collettivo per la finale

Dai centri storici alle spiagge: tutto esaurito nei locali che proietteranno la finale. Maxi schermo comunale nella città dei cantieri. Menù della serata? Spritz e pizza

TRIESTE C’è chi opterà per il terrazzo di casa, magari in compagnia degli amici. Molti altri si riverseranno nei locali del centro oppure nei bar rionali. Tra riti scaramantici e tanta voglia di festeggiare, in tutta la regione ci si prepara alla notte della finalissima degli Europei di calcio, che vedrà sul campo di Wembley la nazionale italiana sfidare la favorita Inghilterra.

Alcune amministrazioni comunali, come ad esempio Monfalcone, hanno deciso di creare un polo di aggregazione con l’installazione del classico maxi-schermo in piazza.

LO SPECIALE DEDICATO AGLI EUROPEI

Scelta diversa a Trieste: «Abbiamo scelto di dare spazio agli esercenti», spiega l’assessore comunale alle Attività economiche, Serena Tonel: «Ciò per favorire la loro ripresa, dopo le difficoltà dei mesi scorsi, e al contempo di garantire il corretto rispetto delle norme anti-Covid».

Protagonisti quindi bar e ristoranti. In piazza Unità ci sarà comunque uno schermo, quello del Caffè degli Specchi: «Abbiamo esaurito tutta la disponibilità dei posti per la finalissima già il giorno dopo la vittoria con la Spagna in semifinale», racconta Riccardo Faggiotto, titolare insieme alla famiglia dell’iconico locale: «Anche stavolta offriremo ai nostri clienti la possibilità di godersi la partita nel massimo rispetto delle regole sanitarie. Quello degli azzurri è stato un Europeo fantastico, noi stessi abbiamo fatto il tifo per la Nazionale. Condividiamo la posizione del Comune, che non ha installato mega-schermi: così i pubblici esercizi possono lavorare correttamente e in sicurezza».

Più in generale a Trieste, tra bar e ristoranti, un po’ ovunque si registra già tutto “sold-out”. Nella strada della movida, ovvero via Torino, sarà allestito un maxischermo in accordo tra Assaje, Puro, Antica Sartoria Di Napoli e Cantina del Vescovo. Cantina il cui gestore, Francesco Minucci, conferma: «Stiamo rivalorizzando la zona, tornando ai regimi pre-Covid e, grazie alla security, limitando molto gli eccessi. Oggi abbiamo una clientela tranquilla, la fascia di età è dai 30 anni in su. Per la finale abbiamo predisposto oltre 600 posti, tutti sold out, nel pieno rispetto delle norme sanitarie. Il clima sarà sereno e tranquillo, come per le altre partite».

Torna pure l’ormai classico appuntamento di Eataly, in collaborazione con Creativa: «I tavoli erano sold-out subito dopo la partita con la Spagna, anche per scaramanzia - spiega l’organizzatore di eventi Luca Antonini -. Inizieremo alle 19 con un aperitivo e poi, dalle 21, la gara. Il filo conduttore? La convivialità, con protagonista la pizza, piatto italiano per eccellenza». Continuando a sondare i locali cittadini, si registra il tutto esaurito anche al Cemut e alla Stazione Rogers, e lo stesso vale per lo storico Caffè Walter di via San Nicolò. Ancora, molti si godranno lo spettacolo alla Pizzeria di Napoli oppure alla nuova Trattoria DI Napoli, in zona Ponterosso.

L’impressione è che ogni bar, in centro come in periferia, farà di tutto per offrire agli avventori almeno un televisore. La partita si potrà seguire pure in spiaggia: ad esempio lo stabilimento Sticco, a Miramare, ha predisposto un maxischermo da 70 pollici con 120 posti a disposizione, naturalmente già esauriti. Per iniziare la serata un po’ prima, dalle 19.30 al Castello di San Giusto c’è ancora posto per il concerto “Electro Way” della One Thousand Streets Orchestra: ovviamente si concluderà alle 20.45.

Anche a Gorizia niente maxi-schermo comunale in piazza, bensì vari locali organizzati con tv e tavolini, soprattutto in centro. Idem a Grado o a Gradisca, dove ci sarà un proiettore nel bar della piazza. Schermo in centro pure a Mossa, dove già nel pomeriggio si potrà seguire il Giro d’Italia femminile, e Cormons. A Monfalcone non ci saranno solo le tv dei bar. A seguito degli eccessi della semifinale, si è svolto tuttavia un incontro in Prefettura, dal quale sono scaturiti provvedimenti. Il mega-schermo in piazza Repubblica sarà accessibile a 200 persone, che dovranno stare sedute, mentre nel raggio di 100 metri attorno alla piazza saranno vietate detenzione e vendita di contenitori in vetro. Le vie Fratelli Rosselli, Duca D’Aosta e 9 Giugno subiranno limitazioni al traffico a partire dalle 19. Saranno intensificati i controlli da parte delle forze dell’ordine e, sempre a scopo preventivo, sarà blindata anche Marina Julia.

Video del giorno

Mafia, 9 arresti della Dia di Trieste: le parole del procuratore De Nicolo

Timballo di alici

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi