In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Monrupino, telecamere in arrivo per vigilare su case e osmize

Via libera della Prefettura all’installazione degli impianti di sorveglianza nelle diverse frazioni del Comune in prossimità dei punti più critici

Ugo Salvini
1 minuto di lettura

IL PROVVEDIMENTO

MONRUPINO

Monrupino avrà finalmente la sua rete di telecamere per la video sorveglianza dei punti strategici del territorio. A completamento di un lungo iter burocratico e amministrativo, Tanja Kosmina, sindaca del Comune carsico, a ridosso del confine, lungo una delle principali direttrici della cosiddetta “rotta balcanica”, ha potuto annunciare di aver «ricevuto dalla Prefettura di Trieste l’approvazione definitiva del nostro progetto di video sorveglianza. Si tratta di un piano molto importante e complesso – aggiunge – che comporta la sistemazione, nelle nostre frazioni, di una decina di apparecchi, al fine di migliorare la sicurezza e l’ordine pubblico. La nostra popolazione infatti – sottolinea Kosmina – soprattutto dopo i recenti casi di furti nelle abitazioni e di violenza nelle osmize, è molto sensibile sull’argomento».

Il cammino per poter arrivare a questa soluzione si è protratto a lungo, perché è stato necessario valutare tutti gli aspetti tecnici e di posizionamento delle telecamere. Il tutto si è risolto positivamente, con un’accelerazione negli ultimi mesi, «ottenuta grazie all’intervento – tiene a evidenziare la sindaca – dell’Ufficio territoriale di Governo. Il Prefetto di Trieste, Valerio Valenti, e tutto il suo staff – prosegue Kosmina – ci hanno garantito un ottimo supporto, che si è rivelato particolarmente prezioso in questa occasione. I nostri uffici comunali, che si sono occupati, negli ultimi mesi, di questo tema, hanno prontamente risposto alle esigenze manifestate dal palazzo del Governo di piazza dell’Unità d’Italia, preparando la necessaria documentazione».

L’acquisto e la posa delle telecamere costerà, complessivamente, 98mila euro. A sostenere questa spesa hanno contribuito pro quota l’ex Uti giuliana, che ha messo a disposizione del Comune di Monrupino 48 mila euro, e il Ministero dell’Interno, che ne ha stanziati 46mila, mentre il Comune ha stabilito, in bilancio, di coprire la restante parte della spesa generale per un importo di 4mila euro. A breve, inizieranno i lavori per il posizionamento delle telecamere e per l’allestimento delle apparecchiature necessarie per alimentarle.

I lavori sono stati affidati alla società Monticolo & Foti, azienda triestina specializzata in questo tipo di interventi, che ha la sua sede a Sgonico. “In questo modo – conclude Kosmina – riusciremo a collaborare al meglio anche con tutte le forze dell’ordine che tutelano il nostro territorio a vantaggio dell’intera popolazione”.—



I commenti dei lettori