Contenuto riservato agli abbonati

Un cuore triestino al Giro di Francia: «Solidarietà alle vittime del terrorismo»

Le vittime del terrorismo che partecipano oggi, 6 luglio, alla tappa simbolica del Tour de France (Foto V-Europe)

Undici superstiti di attentati corrono simbolicamente la dura tappa del Mont Ventoux sotto l’egida dell’associazione V-Europe presieduta dalla triestina Marzia Arzon

TRIESTE Batte un po’ di cuore triestino nel Giro di Francia, che domani, mercoledì 7 luglio, percorrerà la mitica tappa del Mont Ventoux, 21 chilometri arsi dal sole con una pendenza del 7,5%. Per l’occasione i ciclisti esibiranno i colori dell’associazione V-Europe, presieduta da una triestina, Marzia Arzon, e nata con l’obiettivo di sostenere le vittime del terrorismo e i loro diritti.

Una battaglia che i soci di V- Europe hanno intrapreso insieme all’Associazione francese per le vittime del terrorismo (Aftv) nel quinto anniversario degli attacchi di Parigi, Bruxelles e Nizza, e a 20 anni dall’attacco alle torri gemelle.

Video del giorno

Superenalotto, la "porta d'oro" di Sisal. Ecco dove sarà pagato il jackpot da record

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi