In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

MONRUPINO

Aiuti per 17 mila euro alle attività produttive, in particolare quelle della ristorazione, e mille per sostenere le famiglie in difficoltà. Sono queste le somme che il Comune di Monrupino ha stanziato per favorire il superamento della crisi causata dal Covid.

Lo ha deciso il Consiglio comunale del centro carsico, nel corso della più recente seduta, che ha discusso anche del Regolamento sulla Tari. «Nonostante la crisi – ha detto a questo proposito la sindaca, Tanja Kosmina – siamo riusciti a mantenere per quest’anno le stesse tariffe e le stesse percentuali del 2020, sia per la parte variabile sia per la quota fissa. Manterremo pure le stesse agevolazioni – ha aggiunto – sia per le attività produttive sia per le utenze domestiche. Con queste decisioni – ha proseguito – volevamo dare un segnale di vicinanza e di aiuto alla nostra popolazione. Per venire incontro a tutti – ha concluso – abbiamo mantenuto la possibilità del pagamento della Tari in tre rate, fissate al 2 novembre, al 31 dicembre e al 31 gennaio, spostando l’ultima rata al prossimo anno, proprio per impattare di meno sulle famiglie, già oberate a fine anno».

Dello stesso tenore le decisioni assunte, in questi giorni, anche dal Consiglio comunale di Sgonico, che ha stanziato 60 mila euro per agevolare imprese e famiglie nel dopo Covid, in particolare per quanto concerne il pagamento della Tari. Il grosso della somma sarà a disposizione delle utenze non domestiche. L’amministrazione guidata dalla sindaca Monica Hrovatin destinerà inoltre, utilizzando l’avanzo, 86 mila euro per impianti di videosorveglianza e 50 mila per acquistare e collocare giochi per i bambini. —



I commenti dei lettori