Contenuto riservato agli abbonati

Scalette sul mare pericolose, due feriti in poche ore a Barcola: in Pineta si corre ai ripari

Dopo l’ultimo incidente sono spuntate delle transenne davanti a due vecchie strutture metalliche. Scatta la manutenzione straordinaria

TRIESTE. Incidente nella mattinata di giovedì 24 giugno sul lungomare di Barcola. Una settantenne triestina è scivolata su una scaletta di accesso al mare, procurandosi una ferita al piede. L’episodio si è verificato prima delle otto all’inizio della Pineta. La donna è ruzzolata dai gradini urtando l’arto proprio nel punto in cui la struttura metallica è pesantemente danneggiata e quindi più tagliente, oltre che arrugginita.

La settantenne, che sanguinava vistosamente, è stata subito soccorsa da un bagnante. Nei minuti successivi è intervenuta un’ambulanza che ha medicato l’infortunata. Sul posto, poco dopo, pure una pattuglia della Polizia locale.

Gli agenti, vista la pericolosità dei gradini, hanno fatto transennare l’intera pedana metallica in modo da evitare che altre persone potessero farsi male. Martedì, nel tardo pomeriggio, nello stesso punto era già caduto un ragazzo.

Trieste, scivola dalle scale di accesso al mare di Barcola



Le condizioni dei gradini, fanno sapere dal Municipio, in questi giorni avevano indotto il Comune a vietare il transito ai bagnanti delimitando l’accesso alla struttura con il nastro segnaletico bianco e rosso. Ma qualcuno, forse l’altra sera, deve averlo nuovamente strappato: la settantenne, ieri mattina presto, evidentemente non se n’è accorta e ha usato normalmente il passaggio per fare un bagno. Ed è scivolata tagliandosi.

Il Comune ieri mattina ha fatto chiudere anche la scaletta che si trova più avanti, pure quella ritenuta ormai piuttosto pericolante. Sono quindi due, al momento, le aree a mare della scogliera attualmente inaccessibili in zona Pineta.
L’infortunio della signora e del giovane, che come si può immaginare avrebbero potuto avere esiti ben più gravi, riaccende il tema della manutenzione della zona balenare di Barcola, in particolare appunto quello del bagno della Pineta, come documentato dal giornale in questi giorni, e dei sampietrini del pavimento divelti in vari punti del lungomare.

Numerose, poi, sono state in questo periodo le lamentele dei cittadini proprio sulla pericolosità delle scalette metalliche, che stanno evidenziando chiari segni di usura. Ma i bagnanti chiedono anche di aggiungere ulteriori pedane e gradini in modo da agevolare l’accesso al mare ed evitare file e assembramenti tra le persone, sconsigliate in tempi di pandemia.

«Siamo a conoscenza di questi problemi – afferma l’assessore comunale Lorenzo Giorgi – e il Comune se ne sta occupando da tempo. A marzo ho fatto un sopralluogo con la ditta incaricata del servizio di Global service. Poi c’è stato un secondo sopralluogo a maggio e quindi una riunione, mercoledì scorso, con l’assessore Lodi (responsabile dei Lavori pubblici). E proprio questa mattina ero a fare un terzo sopralluogo con il sindaco. Un sommozzatore è andato sott’acqua per verificare la situazione, ma è necessaria la bassa marea per poter intervenire e saldare i punti rovinati. Comunque non perdiamo tempo: la riparazione è programmata proprio per venerdì mattina, prima dell’alba, con un intervento di carattere straordinario ordinato dall’assessorato ai Lavori pubblici». —

 

Video del giorno

Trieste, manifestazione contro il green pass in piazza della Borsa

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi