Contenuto riservato agli abbonati

Arrivano le navi da crociera in Porto vecchio: la prima sarà Costa Deliziosa

Il 10 e il 17 luglio utilizzerà la banchina di Adriaterminal. Un test sul potenziale attracco del futuro. Ttp: «Siamo pronti»

TRIESTE. Trieste ospiterà nei weekend del 10 e 17 luglio ben tre navi da crociera, utilizzando per la prima volta anche la banchina di 450 metri di Adriaterminal, in Porto vecchio, spazio che da tempo rappresenta il luogo deputato da più parti quale futuro terminal crocieristico. Oltre a Costa Luminosa e Msc Splendida, che ogni weekend ormai da maggio e giugno hanno ripreso a navigare partendo dal capoluogo giuliano, loro home port, giungerà infatti Costa Deliziosa, “sfrattata” da Venezia a causa di due eventi importanti che limitano il passaggio degli specchi acquei.

Si tratta del G20, che fa tappa anche in laguna veneta dall’8 all’11 luglio, e della Festa del Redentore, che cade proprio il 17 luglio. Per gli stessi motivi anche a Monfalcone si attendono nelle stesse date Msc Orchestra e Magnifica. In realtà le tre navi bianche, Deliziosa, Luminosa e Splendida, potrebbero convivere nel terminal della Stazione Marittima, visto che non saranno mai presenti contemporaneamente tra sabato e domenica. Basta pensare che Costa Luminosa di solito arriva a Trieste la domenica mattina per ripartire nel pomeriggio dello stesso giorno, mentre Msc Splendida raggiunge e lascia la Stazione Marittima sempre nell’arco di sabato. Costa Deliziosa è attesa di sabato.

Tuttavia l’occasione è troppo ghiotta per non fare un test nell’antico scalo, proprio con Costa Deliziosa, per capire se esiste la fattibilità tecnica e nautica di utilizzare l’area in futuro appunto come terminal. Di fatto la variante al pano regolatore ha già individuato il luogo come terminal crociere e una volta che nel 2023 Adriaterminal lascerà l’area, concludendo la propria concessione, quest’ultima potrebbe passare a Trieste terminal passeggeri.

A questo piano per il 10 e 17 luglio, che prevede imbarco e sbarco al Centro congressi, stanno lavorando diversi soggetti, tra cui Ttp, Autorità portuale, Capitaneria di porto e Comune. Già l’anno scorso si era provato a organizzare un esperimento simile durante la Barcolana, ma poi si era preferito dirottare Costa Deliziosa verso l’ormeggio 57 alla radice del Molo VII a causa del brutto tempo. “Siamo pronti come sempre a offrire i nostri servizi e a modularli”, sottolinea l’amministratore delegato di Ttp Francesco Palmiro Mariani, che aggiunge: “Stiamo verificando che

Trieste vive di luce propria, non di riflesso rispetto a Venezia. Lo dimostra anche l’ultimo evento organizzato da Msc per la ripartenza di Splendida, che ha riscosso da parte di tutti grande positività per la bellezza della città. Non siamo i cugini poveri di Venezia, abbiamo assolutamente un ruolo da svolgere se mettiamo insieme Stazione Marittima, Porto vecchio e Monfalcone, costruendo così una rete importante: questo è l’obiettivo strategico”.

Ttp inoltre si preparerà nei prossimi mesi a rispolverare i progetti per il futuro sviluppo della stessa Stazione Marittima, messi da parte a causa della pandemia. Questo, sottolineano Mariani e il presidente di Ttp Gianluca Madriz, se si conferma un consolidamento delle crociere, perché “abbiamo tutti un gran desiderio e vitalità nello sperare che i tempi brutti siano passati, ma dobbiamo approcciare il futuro con cautela”. In programma, ci sono l'ampliamento delle banchine, il rinnovo della logistica, l'elettrificazione della banchina grazie al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) e il un restyling, a partire dalla facciata, della Stazione Marittima.

“S'inserisce in questo contesto pure il settore dei parcheggi – aggiunge Madriz -: avremo una necessità nei prossimi mesi e anni di aumentare la capacità ricettiva in termini di presenze di automobili. Stiamo facendo dei ragionamenti con Comune e Autorità portuale”. Per questo è prevista l’ottimizzazione degli spazi del Molo IV e l'ipotesi di una riorganizzazione dell’area del Pedocin.

Video del giorno

Trieste, manifestazione contro il green pass in piazza della Borsa

Gazpacho di anguria, datterini e fragole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi