Contenuto riservato agli abbonati

Caso De Monte, attacco no-vax via social al primario del 118 di Trieste Peratoner e al segretario Anaao

 I due profili sono state tempestati di commenti con accuse ai medici

TRIESTE. Attacco no-vax ai profili “social” del primario del 118 di Trieste  Alberto Peratoner, presidente per il Friuli Venezia Giulia del sindacato che rappresenta anestesisti e rianimatori (Aaroi Emac) e di Valtiero Fregonese, segretario regionale Anaao.

 I due profili sono state tempestati di commenti con accuse ai medici di comportamenti «nazisti», «sprezzanti della libertà» e del «diritto inalienabile al consenso alle terapie».  

Nel mirino dei no-vax l’ultimo comunicato sindacale sul caso riguardante la mancata vaccinazione di Amato De Monte recentemente nominato alla guida della Sores (Sala Operativa Regionale Emergenza Sanitaria) dall’Arcs, Agenzia regionale di coordinamento per la salute. Un comunicato i cui primi firmatari erano Peratoner e Fregonese e in cui in cui si esprimeva «sdegno, fortissima preoccupazione e incredulità per la normalità con cui il governo regionale sta tollerando, ammettendo e legittimando la possibilità che professionisti sanitari, anche di un certo rilievo, possano liberamente dichiarare di non volersi vaccinare» parlando di «un messaggio pericolosissimo per gli operatori sanitari ancora dubbiosi e per la popolazione»

Video del giorno

A Trieste la proposta di matrimonio di Salvatore alla sua Carla nel linguaggio dei segni

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi