Contenuto riservato agli abbonati

Si spacca il sindacato dei medici di base a Trieste: via oltre trenta iscritti

Contestata l’interpretazione romana che ha confermato il segretario Franzin. I fuoriusciti: «Bisognava cambiare»

TRIESTE Un terremoto che ha portato alle dimissioni dalla Fimmg di Trieste di oltre una trentina di iscritti, tra i quali tutti i dottori della Continuità assistenziale e delle Usca. Clima teso all’interno della Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg) dopo il rinnovo delle cariche, che ha visto l’elezione di Dino Trento nel ruolo di presidente provinciale.

La frattura però è arrivata sulla nomina del segretario: il consiglio composto da 9 medici di base più il rappresentante della continuità assistenziale, Luca Maschietto, si è diviso equamente con cinque voti a Francesco Franzin, il segretario uscente, e altrettanti a Marina Spanu.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid. Bambini a scuola, come evitare i contagi

Torta di grano saraceno con mirtilli e mele

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi