Contenuto riservato agli abbonati

Per Dell’Acqua il disegno è favorire i privati: «Lì le porte sono aperte. Chi arriva ora le chiuderà?»

«Il collega Trincas viene da una lunga carriera senza infamia e senza lode. Sappiamo dal suo curriculum che si è laureato a 33 anni e specializzato a 39». Lo psichiatra Giuseppe Dell’Acqua, storico collaboratore di Franco Basaglia, non nasconde l’amarezza, la rabbia, la preoccupazione. Teme, e lo ripete da giorni, che la nomina del medico sardo al Csm 1 di Barcola infligga un colpo durissimo al modello Trieste. «Trincas è specializzato in psichiatria forense e tratta la questione dal lato burocratico e amministrativo: il contrario di quanto serve nei servizi territoriali».

Dell’Acqua si chiede «come si troverà a Barcola, dove il centro ha le porte sempre aperte: le chiuderà? Una persona non sufficientemente mansueta sarà affidata a un letto di contenzione? Il vulnus è enorme: conosco bene il sistema sardo, che oggi ha ancora porte chiuse e a volte guardie armate agli ingressi, persone accolte in grandi strutture per tempi lunghi, servizi territoriali inesistenti e persone abbandonate, tanto che un uomo è morto legato al letto».

Secondo lo psichiatra, «per ottenere cambiamenti ci vogliono decenni, per distruggerli basta un temporale. La nomina disvela una volontà politica ben precisa. Il disegno è indebolire un servizio che ha offerto grandi risposte ai cittadini per dare spazio ai privati: così si alza la spesa ma soprattutto si tratta il disagio in strutture residenziali da cui si esce per finire direttamente sulla panchina di una stazione. Siamo al manicomio diffuso». Dell’Acqua attacca anche la commissione di valutazione accusandola di aver «attuato uno spietato spoils system protetto» dalla politica. E poi ricorda che a Bergamo, nella struttura dove lavora la presidente di quella commissione, solo due anni fa una ragazzina di 19 anni è morta bruciata in una stanza, «dov’era stata legata e chiusa a chiave».

Video del giorno

La protesta di una signora no vax davanti a Letta

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi