Il caso De Monte approda a Roma Lorenzin: «Speranza intervenga»

Mancate vaccinazioni e concorso sospeso, la deputata e la senatrice Pd Rojc interrogano il ministro

Il caso De Monte finisce in Parlamento. L’ex ministro della Salute Beatrice Lorenzin (Pd), dopo aver interrogato l’attuale ministro, Roberto Speranza, tira in ballo il presidente nazionale dell’Ordine dei medici, Filippo Anelli, ricordando che lo stesso Anelli, in audizione alla Camera, era stato chiaro: «L’Ordine dovrebbe automaticamente sospendere un medico non vaccinato. Essere vaccinati – continua l’ex ministro –, per un operatore sanitario, è elemento fondamentale per esercitare la professione». Lorenzin si chiede infatti se «l’Azienda sanitaria ha tempestivamente convocato De Monte per sapere perché non si è ancora vaccinato».

L’ex ministro parla di approssimazione che «si somma alla scelta concorsuale del tutto discutibile dei dirigenti sanitari del sistema pubblico che indicono un concorso per poi sospenderlo senza motivo». E nel ricordare che il concorso per la selezione del direttore della centrale operativa dell’emergenza Sores era «garanzia di trasparenza delle procedure contro gli arbitri del politico di turno e di qualità dei professionisti a tutela dei cittadini», Lorenzin ribadisce: «Non possiamo permettere titubanze da parte delle amministrazioni» che devono «dare ai cittadini indicazioni chiare e nette».

La sua analisi sulla vicenda friulana Lorenzin (Pd) l’ha sintetizzata nell’interrogazione indirizzata a Speranza che, ieri, ha depositato alla Camera. Lo stesso ha fatto la senatrice dem Tatjana Rojc al Senato. Le parlamentari ricostruiscono la successione che ha portato, «a procedura concorsuale aperta», ad assegnare da oggi De Monte alla Struttura operativa regionale Emergenza sanitaria e richiamando le disposizioni di legge in materia di obbligo di vaccinazione del personale sanitario, chiedono al ministro di chiarire «se sussistono elementi per intervenire sulla Regione affinché De Monte venga ricollocato o sospeso dall’incarico».

Lorenzin e Rojc chiedono chiarezza anche «sui presupposti e le condizioni della sospensione di una procedura concorsuale per l’incarico di direzione di struttura complessa, sulla procedura per il conferimento degli incarichi e sull’indennità di direzione di dipartimento nel caso di comando in una direzione di struttura complessa». Le due dem richiamano anche l’articolo 4 del Dl dell’1 aprile secondo cui «gli esercenti le professioni sanitarie e gli operatori di interesse sanitario che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali sono obbligati a sottoporsi a vaccinazione». Lo stesso decreto dispone «la sospensione dal diritto di svolgere prestazioni o mansioni che implicano contatti interpersonali o comportano, in qualsiasi altra forma, il rischio di diffusione del contagio da Sars-CoV-2».

Il caso intanto continua a far discutere in regione. Mentre l’opposizione insiste a chiedere la convocazione della terza commissione, il presidente della stessa, Ivo Moras (Lega), fa sapere di avere «in accordo con il vicepresidente Riccardi convocato il più presto possibile per audire il direttore dell’Arcs Giuseppe Tonutti e placare le speculazioni in essere e evitare ulteriori strumentalizzazioni politiche». Giovedì in aula Tonutti risponderà «sulle procedure adottate per la nomina del nuovo direttore della Sores e più in generale sul futuro del servizio». I consiglieri d’opposizione son pronti a chiedere a Tonutti chiarimenti sulle dichiarazioni fatte giorni fa. Il direttore dell’Azienda di coordinamento per la salute aveva detto: De Monte «sta aspettando un nuovo vaccino, non è certamente un no vax». Ma in questo contesto c’è anche chi esprime solidarietà a De Monte. Barbara Venuti, a titolo personale, non a nome dell’associazione Consumatori attivi di cui è vice presidente, ha scritto una lettera aperta che è già stata condivisa, queste le sue parole, da «centinaia di cittadini». —

Video del giorno

Trieste, attracca sulle Rive il cacciatorpediniere Luigi Durand de la Penne

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi