Contenuto riservato agli abbonati

Dirigenti basagliani penalizzati? Peppe Dell’Acqua: «Non è questione di persone, si tratta di difendere un modello»

Peppe Dell'Acqua, è stato il braccio destro di Franco Basaglia

Dell’Acqua: «Sono addolorato e sgomento. Il pericolo è che si copino i sistemi sanitari lombardi, in questo campo i peggiori d’Italia»

TRIESTE «Non è questione di persone, ma di difesa di un modello. Sono addolorato e sgomento». Peppe Dell’Acqua, braccio destro di Franco Basaglia, parla dell’intervento degli ex direttori dei Dsm della regione come di una presa di posizione «che dice la verità sulle cose che accadono e della quale si deve sottolineare soprattutto la dimensione etica».

Cosa la preoccupa di più?

«Chi scrive la lettera è stato un fedele servitore dello Stato, portando sulle spalle quella che Norberto Bobbio definì la sola, vera riforma del dopoguerra.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, entrano i primi camion al Porto

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi