Contenuto riservato agli abbonati

Fedriga: “In Fvg dati incoraggianti, ma serve cautela. Vaccini a tutti da giugno? Noi siamo pronti”

Il centro vaccinale a Muggia

"Condivido la scelta del commissario Figliuolo - ha detto il goivernatore - perché di fatto le persone più fragili, ovvero gli over 80 e le persone con pluripatologie, le abbiamo coperte tutte”

TRIESTE "Migliorano" i dati covid in Friuli Venezia Giulia. Oggi, secondo il report della Regione, il tasso di positività è pari allo 0,58%, e diminuiscono anche i ricoveri in ospedale. Secondo il presidente del Fvg, Massimiliano Fedriga, si tratta di dati "incoraggianti": "Abbiamo avuto dei momenti difficili - ha precisato a margine di un incontro - ma oggi in Fvg, e dobbiamo sempre prendere comunque questi dati con estrema cautela e la dovuta prudenza, la situazione è in netto miglioramento".

Ora, secondo il governatore, occorre dare uno sprint alle vaccinazioni: "Dobbiamo impegnarci nella campagna vaccinale, perché se è vero che il periodo estivo può darci una finestra di tranquillità, dobbiamo sfruttare il momento per proteggere più persone possibili e garantire quindi che da settembre e ottobre si possa continuare con la medesima tranquillità senza il rischio di un riacutizzarsi della pandemia". Secondo i dati della Regione, nel corso della mattinata, si sono aggiunte 3.342 nuove prenotazioni. Di queste, 1.381 riguardano la fascia d'età 50-59. Fino al 12 maggio, tra gli over 50 aveva aderito alla campagna solo il 53% della platea potenziale.

Per Fedriga, sono "due i fattori per i quali per alcune fasce c'è una scarsa adesione: c'è stata una comunicazione che ha raccontato molte falsità su AstraZeneca e c'è una fascia che oppone resistenza al vaccino". In generale, ha aggiunto, "io sono contrario all'obbligo vaccinale, l'unica possibilità per aumentare l'adesione è una buona informazione". Inoltre, se da giugno sarà possibile vaccinarsi senza limiti di età, "noi siamo più che pronti".

L'intenzione della struttura commissariale è di "dare una sorta di via libera" a tutte le età a partire da giugno: "Condivido la scelta del commissario Figliuolo - ha detto Fedriga - perché di fatto le persone più fragili, ovvero gli over 80 e le persone con pluripatologie, le abbiamo coperte tutte. Penso che a giugno arriverà il momento in cui chi vuole vaccinarsi potrà farlo prenotandosi".

Intanto Confindustria Alto Adriatico annuncia che sono operativi, in attesa del via libera, i due hub vaccinali nelle zone industriali del Consorzio Ponterosso e Nip Maniago in cui, tra qualche settimana, verosimilmente a fine maggio - riferiscono gli industriali - saranno vaccinati i lavoratori delle aziende (associate e non).

Video del giorno

Trieste, pronta la nuova strada per Monte Grisa

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi