Medaglia d’oro al valor civile e omaggi nelle città

Infoibata nella voragine di Villa Surani nei primissimi giorni dell’ottobre del 1943, dopo essere stata arrestata, all’indomani dell’armistizio dell’8 settembre, da un Comando formato da partigiani italiani e jugoslavi, incarcerata e violentata. È questa la drammatica fine che toccò a Norma Cossetto, la giovane insegnante di origine istriana, nativa di Visignano, alla quale si vuole dedicare un monumento da collocare a borgo San Mauro, a Duino Aurisina. Nel 2005 alla giovane fu conferita la medaglia d’oro al valor civile dal Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi, mentre il Comune di Gorizia ha una via a lei dedicata dal febbraio 2009, così come dal luglio 2011 quello di Narni e dall’ottobre 2012 i comuni di Bolzano e Fano.

u. sa.


Video del giorno

Max Tramontini si candida come consigliere comunale di Trieste

Frittata con farina di ceci e zucchine

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi