Contenuto riservato agli abbonati

L’Ogs chiude il cerchio: stop agli insediamenti dentro il Magazzino 26

Sopralluogo delle commissioni IV e V alla struttura del Porto vecchio. L’assessore Rossi: «Abbiamo occupato tutto». E prende forma il Museo dell’Irci

TRIESTE Cos’è, alla fin fine, il Magazzino 26? Due commissioni comunali, la IV e la V, hanno compiuto un sopralluogo nell’edificio simbolo del Porto vecchio, al fine di inquadrare il piano della giunta per il palazzo, anche alla luce delle ultime novità. Facciamo subito il punto: fra qualche anno, se la linea data da questa giunta verrà mantenuta, l’edificio ospiterà un museo scientifico nato dalla fusione del Museo del Mare e di quello di Scienze naturali (progetto Consuegra), l’infopoint turistico con “convention visitors boureau”, il nuovo Museo Irci con le masserizie degli esuli, la Sala Luttazzi per eventi culturali, l’Immaginario scientifico e la Sezione di oceanografia dell’Ogs.

Gli assessori Elisa Lodi (Lavori pubblici) e Giorgio Rossi (Cultura) hanno accolto la comitiva di commissari capitanata dai presidenti di commissione Michele Babuder (Fi) e Manuela Declich (Lega). I due assessori hanno descritto il piano del Comune, armati di cartina. La capogruppo pentastellata Elena Danielis si è informata sul destino della sede attuale del Museo di Storia naturale, e Rossi ha risposto che sarà destinato ad ampliamento del Museo della Guerra per la Pace. La consigliera Pd Laura Famulari ha chiesto quali saranno i costi dell’infopoint mentre Giovanni Barbo ha fatto altrettanto per la sala Luttazzi: l’infopoint è costato circa un milione e 150 mila euro, mentre la sala 600 mila euro. Una stima per il trasloco del Museo di Scienze naturali, invece, non è ancora stata fatta. Paolo Menis del M5s ha chiesto si organizzi una commissione apposita sul Museo del Mare.

I consiglieri sono stati accompagnati dai tecnici e collaboratori del Comune nella Sala Luttazzi, 130 posti a sedere al terzo piano, ormai completata: entro il mese dovrebbe tenersi la serata di apertura. Scesi al secondo piano, il direttore dell’Irci Piero Delbello ha illustrato la futura configurazione del nuovo Museo della Civiltà istriana, fiumana e dalmata, comprensivo di masserizie: «Abbiamo disposto i mobili in lunghi corridoi in modo che possano essere attraversati dai visitatori – ha spiegato – che potranno così constatare che su ogni mobile c’è scritto un nome, dietro cui c’è una storia». Nel dialogo con i consiglieri, Delbello ha affermato: «Il 99% dei visitatori del nostro museo vuole andare a vedere le masserizie, che a loro volta andavano salvate. Questa razionalizzazione dà loro un senso».

Infine la mostra del Lloyd, che confluirà un domani nel Museo del Mare. Ad accompagnare i commissari la responsabile dei musei comunali Laura Carlini Fanfogna. Visitando la mostra, Antonella Grim di Italia Viva ha commentato: «È necessario riprendere in mano i cimeli del Lloyd facendosi avanti con Italia marittima, che pare averne molti nei suoi depositi». Il leghista Radames Razza ha ravvisato invece che «la visita ha colpito positivamente anche i consiglieri di opposizione» e rimanda «al mittente le critiche» del Pd.

Al di là delle schermaglie, è nell’area ove ora sorge la mostra del Lloyd, ha spiegato Rossi, che approderà l’Ogs, secondo quanto stabilito dall’istituto e dal Comune. «E con questo avremo occupato gli spazi del 26», ha chiosato l’assessore.

Video del giorno

La partenza della Adriatica Ionica Race da Trieste

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi