Covid in Fvg: oggi 24 nuovi casi, leggero rialzo nelle terapie intensive

TRIESTE Oggi in Fvg su 2.280 tamponi molecolari sono stati rilevati 23 nuovi contagi con una percentuale di positività dell'1,01%. Sono inoltre 699 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali è stato rilevato un caso (0,14%). I decessi registrati sono 3, i ricoveri nelle terapie intensive sono 34 mentre quelli in altri reparti risultano essere 217.

Lo comunica il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi.

I decessi complessivamente ammontano a 3.714, con la seguente suddivisione territoriale: 792 a Trieste, 1.972 a Udine, 663 a Pordenone e 287 a Gorizia. I totalmente guariti sono 88.961, i clinicamente guariti 5.455, mentre quelli in isolamento oggi scendono a 7.022. Dall'inizio della pandemia in Fvg sono risultate positive complessivamente 105.403 persone con la seguente suddivisione territoriale: 20.691 a Trieste, 50.220 a Udine, 20.528 a Pordenone, 12.789 a Gorizia e 1.175 da fuori regione.

Nel dettaglio dei dati odierni, nel settore delle residenze per anziani non sono stati rilevati casi di positività né tra le persone ospitate nelle strutture regionali né tra gli operatori chi vi lavorano. Sul fronte del Sistema sanitario regionale, nell'Azienda sanitaria Friuli Occidentale si registra la positività al virus di un medico.


Vaccinazione estesa a tutta la popolazione domiciliata per qualsiasi motivo
Un piano vaccinale su scala nazionale si sta inseguendo da mesi, ma non si raggiungono gli obiettivi sperati. Così diverse Regioni stanno procedendo in autonomia, con tempistiche e categorie prioritarie differenti. Prima dell’intervento del generale Figliuolo, potevano vaccinarsi fuori Regione solo coloro che risultavano iscritti al Servizio sanitario locale. In sintesi, coloro che avessero scelto un medico di famiglia temporaneo nel luogo di domicilio. Adesso, invece, la vaccinazione è stata estesa a tutta la popolazione domiciliata per qualsiasi motivo: lavoro, studio, necessità, assistenza familiare e ogni altra ragione che comporti la stabile permanenza sul territorio.

Curcio: speriamo estate all'insegna della ripresa, ma serve cautela
«Sarà un'estate in cui dovremo avere cautela, ma non significa che non sarà gradevole come altre. Un'estate che speriamo sia all'insegna della ripresa». Lo ha detto il capo dipartimento della Protezione civile Fabrizio Curcio, all'inaugurazione dell'hub vaccinale del centro commerciale Porta di Roma. «Concentriamoci sul 90 per centro delle dosi di vaccino che mettiamo a disposizione, non c'e' una sola dose che viene sprecata», ha concluso.

Figliuolo: vaccini, prossimo step le classi produttive
«Dobbiamo premere sulle classi over 60 - per le quali la media di somministrazioni è ancora bassa - e il piano va seguito in maniera ordinata e coerente. Quando avremo messo in sicurezza gli over 65 si può aprire a tutte le classi di età. Il prossimo step sarà sulle classi produttive». Cosi il commissario per l'emergenza, Francesco Figliuolo, alla sua visita nell'hub di Porta di Roma.
 

Per il secondo giorno consecutivo superate 500mila vaccinazioni
Per il secondo giorno consecutivo l'Italia ha superato quota 500 mila vaccinazioni anti-Covid somministrate in 24 ore, portando a oltre 20 milioni il totale delle dosi inoculate dall'inizio della campagna vaccinale. Cala ancora il tasso di positività nazionale, al 3,4%. Altri 226 i decessi. Da domani cambiano i colori delle regioni: Val d'Aosta rossa; Sardegna arancione con Basilicata, Puglia, Calabria e Sicilia; le altre restano gialle.

Video del giorno

Trieste, la cerimonia della Polizia locale per il 159esimo anniversario e l'omaggio ai caduti

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi