Contenuto riservato agli abbonati

Parte dal golfo di Trieste la caccia alla plastica dei cestini mangiarifiuti

Al via dalla baia di Sistiana il tour per mare nazionale di Coop Italia che consentirà la posa di 34 nuovi seabin e che si concluderà proprio in acque giuliane a ottobre

TRIESTE Parte da Trieste, dalle acque della baia di Sistiana, la caccia alla plastica lanciata da Coop Italia che, per il secondo anno consecutivo, ha deciso di portare avanti, rafforzandolo, il progetto “Un mare di idee per le nostre acque”. La campagna, che si chiuderà di nuovo a Trieste in occasione della Barcolana, ha lo scopo di sensibilizzare i cittadini sul tema dell’inquinamento dei nostri mari, laghi e fiumi, zeppi di rifiuti di ogni genere. E lo fa non solo a parole e slogan, ma attraverso la posa di 34 seabin, i cosiddetti cestini “mangiarifiuti”, in diverse località italiane.

Parte dal golfo di Trieste la caccia alla plastica dei cestini mangiarifiuti

L’obiettivo è intercettare e raccogliere, in un anno, ben 23 tonnellate di plastica, superando il risultato del 2020, quando i seabin posizioni furono 12, con otto tonnellate di plastica rimaste intrappolate nei filtri. Di fatto quella di Coop e del suo partner scientifico, LifeGate, sarà una vera e propria traversata ecologica attraverso l’Italia, anche grazie alla barca a vela nostrana Anywave, ormeggiata a Portopiccolo e di cui Coop è sponsor. Si tratta della prima imbarcazione ad aver istituito la figura del Responsabile ecologico, e porterà in giro per l’Italia il suo esempio, durante le regate alle quali parteciperà.

Ma cosa sono i seabin? Sono dei cestini per i rifiuti che galleggiano in superficie. Sul fondo hanno una pompa che filtra 25 mila litri di acqua marina all’ora e può catturare fino a 1,5 chilogrammi di detriti al giorno, oltre 500 chili all’anno. Numeri che sembrano impossibili? Assolutamente no. Bastava trovarsi ieri a Portopiccolo, dove è stato posizionato il primo di questi 34 nuovi seabin, per rendersene conto: messo in acqua la sera precedente, aveva già catturato pattume di vario genere. Dovrà essere svuotato ogni due giorni, e di questo si occuperanno gli addetti del marina di Portopiccolo.

La posa del cestino “mangiarifiuti” e la visita sulla barca sostenibile Anywave con mininavigazione nel golfo sono stati due dei momenti portanti della mattinata di ieri nella baia di Sistiana, preceduti da un incontro durante il quale i protagonisti del progetto hanno spiegato l’importanza di investire sulla lotta alla plastica, in particolare alle microplastiche, quelle invisibili ma non per questo meno dannose, visto che finiscono nello stomaco dei pesci e, di conseguenza, pure nel nostro, quando li mangiamo. «Il problema della plastica in mare è enorme e siamo vicini a un punto di non ritorno - ha evidenziato Maura Latini, amministratore delegato di Coop Italia -. Abbiamo deciso di partire da Trieste anche per la sua grande tradizione marinaresca e per la collaborazione con Anywave». Hanno partecipato anche Enrico Quarello, direttore Politiche sociali di Coop Alleanza 3.0, che ha sottolineato che «verranno coinvolti tutti i soci presenti in regione», l’esploratore e divulgatore ambientale Alex Bellini, e il navigatore Ambrogio Beccaria. Presenti in sala anche il sindaco di Duino Aurisina Daniela Pallotta e l’assessore regionale all’Ambiente Fabio Scoccimarro, che ha ricordato il progetto Mare Fvg e l’impegno della Regione per concretizzare la «rivoluzione verde necessaria al nostro pianeta, nella quale siamo e dobbiamo essere tutti attori»

Video del giorno

Trieste, pronta la nuova strada per Monte Grisa

Estratto di mela, sedano, cetriolo e lime

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi