Contenuto riservato agli abbonati

Vivevano all’estero ma intascavano il sussidio: cinque indagati per truffa e ricettazione ai danni dell'Inps

La sede dell'Inps in una foto di archivio

Fingevano di risiedere in Italia per ottenere l’assegno mensile. Le indagini hanno accertato anche le somme che sarebbero state incassate illegalmente: decine di migliaia di euro. Chiesto il rinvio a giudizio

TRIESTE Dichiaravano di risiedere in Italia per ricevere il sussidio dell’Inps. Sono cinque gli indagati dalla Procura di Trieste con quest’accusa. Il pm Federico Frezza, il magistrato titolare del fascicolo, ha chiuso l’inchiesta e ha chiesto il rinvio a giudizio per tutti. Il caso è stato discusso in udienza preliminare davanti al gup Luigi Dainotti. Gli imputati sono orientati a scegliere riti alternativi al giudizio ordinario: l’abbreviato o il patteggiamento.

Le indagini hanno accertato anche le somme che sarebbero state incassate illegalmente: decine di migliaia di euro.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, entrano i primi camion al Porto

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi