Contenuto riservato agli abbonati

Gorizia, il tetto del Padiglione B a prova di pioggia entro la fine del mese di aprile

L’intervento permetterà di arginare le microinfiltrazioni. Il 6 aprile il maltempo aveva ritardato le vaccinazioni

GORIZIA. Saranno completati entro la fine del mese i lavori di impermeabilizzazione dei quasi 2 mila metri quadrati del tetto del Padiglione B della Fiera di Gorizia. La Camera di Commercio della Venezia Giulia è letteralmente corsa ai ripari dopo che le infiltrazioni d’acqua seguite alle violente piogge di martedì 6 aprile avevano costretto a ritardare di un’ora l’inizio delle operazioni di vaccinazione. Il problema era noto e l’intervento non soltanto era già in programma, doveva anzi partire proprio la mattina del 6 aprile, ma il maltempo aveva costretto a rinviarlo. Gli operai sono quindi entrati in azione già giovedì 8.

«L’ente camerale – ha evidenziato il presidente Antonio Paoletti – nel concedere all’Azienda sanitaria universitaria giuliano isontina il padiglione a titolo gratuito, viste le problematiche esistenti si è fatto carico, con la massima tempestività ed urgenza, di alcuni interventi di manutenzione straordinaria ritenuti necessari ed indispensabili per garantire la piena fruibilità ed operatività dell’immobile quale centro di vaccinazione. Si è dovuto intervenire sul tetto della struttura per realizzare uno strato impermeabilizzante poiché il preesistente e “vecchio” strato di copertura in Pvc presentava sulla superficie numerose microfessure e punti di infiltrazione dell’acqua piovana che avrebbero potuto compromettere gravemente lo svolgimento delle previste attività sanitarie di vaccinazione».

Gli interventi sono stati affidati all’impresa specializzata Faid Anticorrosione Srl di Portogruaro e hanno previsto la fornitura e la posa in opera di uno strato impermeabilizzante combinato realizzato da una membrana stratificata. La membrana verrà bloccata sia con fissaggio meccanico sia, in completa aderenza, mediante rinvenimento con fiamma a gas propano. Con apposite macchine finitrici si provvederà infine all’applicazione “a caldo” di un prodotto (“Poliurea Pura Purtop 1000”) dello spessore di 2 millimetri al fine di assicurare un’impermeabilizzazione continua, elastica e resistente su tutta la superficie del tetto del padiglione che ha una estensione complessiva di 1.830 metri quadrati.

In questo modo la pioggia non rappresenterà più un problema per le attività della fiera.

Video del giorno

A Trieste torna Bioest, la fiera del biologico e dei prodotti naturali

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi