Contenuto riservato agli abbonati

Rimanere chiusi in casa ha fatto crollare le nascite: tutti i dettagli sullo studio condotto dal Burlo di Trieste

Il confinamento durato dal 10 marzo al 17 maggio 2020 ha determinato nove mesi dopo un calo del 20% di neonati

TRIESTE Rimanere chiusi in casa, tra preoccupazioni per un nemico invisibile mai incrociato prima e misure restrittive di particolare severità, ha congelato la natalità. Nello specifico del Burlo Garofolo, il calo delle nascite conseguente ai minori concepimenti in tempo di lockdown – quello più rigido della primavera 2020 – è clamoroso: tocca il 20%. Di gran lunga superiore al trend degli ultimi anni, con una riduzione media delle nascite in Friuli Venezia Giulia che si attestava attorno al 4%.

Video del giorno

Roma-Feyenoord, l'occhiolino di Abraham alla panchina dopo aver subito un fallo

Insalata tiepida di cous cous con ceci neri, cipollotti e tonno

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi