Contenuto riservato agli abbonati

Locatelli: «Riaperture selettive: serve cautela per evitare di compromettere i risultati ottenuti»

Franco Locatelli

Il presidente del Css: «Su AstraZeneca dobbiamo spiegare, non alimentare le paure. Possibile il rinvio dei richiami per Pfizer e Moderna» 

ROMA Nessuna riapertura generalizzata, prudenza finché non saranno stati messi in sicurezza cittadini anziani e fragili. E nessuna alternativa per chi rifiuta il vaccino AstraZeneca: «Dobbiamo spiegare e persuadere, non alimentare paure e incertezze», dice Franco Locatelli, coordinatore del Comitato tecnico-scientifico e presidente del Consiglio superiore di sanità. Il messaggio è chiaro: «Serve cautela, per evitare di compromettere i risultati ottenuti nelle ultime settimane».

La situazione sta migliorando, abbiamo raggiunto il plateau e ora iniziamo la discesa: quanto sarà lenta?


«Sarà progressiva, da tre settimane abbiamo un miglioramento degli indici epidemici più stretti, ormai abbiamo solo due regioni con un’incidenza cumulativa a 7 giorni superiore a 250 casi su 100mila abitanti.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

L'orsetto salvato nel Parco d'Abruzzo e ricongiunto alla famiglia: è l'unico caso in Europa

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi