Contenuto riservato agli abbonati

Una App con Nova Gorica nel futuro del bike sharing di Gorizia

L’amministrazione comunale mantiene invariate le tariffe del servizio Il progetto Go2Go ripartirà appena la situazione sanitaria lo permetterà

GORIZIA Tariffe invariate per il servizio di bike sharing, come pure per i diritti di istruttoria, di ricerca e visura e il rimborso dei costi di riproduzione. Il Comune introduce però un nuova tariffa per le autorizzazioni allo scarico di acque reflue domestiche che non finiscono nella rete fognaria, con procedimento distinto e separato da quello edilizio. La misura trova applicazione dal 5 aprile. Il provvedimento riguardante tutte questi voci è contenuto in una recente delibera dell’amministrazione goriziana dove si parla delle conseguenze a livello economico del coronavirus, le quali comportano la necessità di prevedere «ogni possibile soluzione di contenimento delle spese, garantendo comunque il mantenimento dei servizi a vantaggio della collettività, senza compromettere la sostenibilità del bilancio».



Nel dettaglio, la delibera contiene le tariffe decise dalla giunta per il bike sharing. Tessera annuale gratuita anche quest’anno per i residenti, mentre per i non residenti il costo è di 10 euro. La cauzione richiesta è di 5 euro (ciò vale per residenti, non residenti e turisti). Stessa cifra per la ricarica minima e per l’ utilizzo giornaliero da parte dei turisti. I primi 15 minuti sono gratuiti, mentre quelli successivi vedono aumentare progressivamente gli importi: 20 centesimi dai 15 ai 30 minuti, 30 centesimi da 30 minuti a all’ora, 1 euro per 90 minuti, 2 euro per due ore, 4 euro oltre le due ore e fino alle tre ore di utilizzo. Per ogni le ore sono dovuti 5 euro. Il limite massimo non vale per i turisti. Il servizio è attivo 24 ore su 24, ma a non in questo periodo. «Non ci sono limitazioni per la zona rossa ma attualmente siamo parzialmente attivi per via di alcune manutenzioni che dobbiamo effettuare», spiega l’assessore Francesco Del Sordi. «Uno dei prossimi passi – aggiunge – è attivare il servizio di bike sharing transfrontaliero con Nova Gorica, acquistando una app comune».

Attualmente però è tutto fermo anche se si auspica che il progetto veda concretamente la luce entro l’anno. Parliamo della proposta a cura della ditta slovena di trasporti Nomago. L’iniziativa si chiama Go2Go e collega Nova Gorica, Gorizia e Šempeter Vrtojba con una flotta di mezzi composta da ebike e comuni biciclette, da prelevare in modo automatizzato e self-service. L’idea è del Comune di Nova Gorica che ha ottenuto dei fondi in buona parte dal Ministero delle Infrastrutture sloveno. Con questi contributi è stato possibile allestire sette fermate nel territorio del Comune di Nova Gorica e una a Šempeter. Il progetto sta subendo dei ritardi a causa del Covid ma in sostanza è già tutto pronto.

Per quanto concerne le tariffe sui diritti di istruttoria, gli esborsi sono i seguenti: autorizzazioni paesaggistiche, procedura ordinaria: 105 euro; autorizzazioni paesaggistiche, procedura semplificata: 75 euro; accertamento di compatibilità paesaggistica: 250 euro; autorizzazioni progetti di illuminotecnica: 50; autorizzazioni allo scarico di acque reflue domestiche che non recapitano in rete fognaria: 60 euro; autorizzazioni in deroga per le attività rumorose: 30; proroga dei termini per le autorizzazioni delle attività rumorose: 20 euro. Per i diritti di visura e ricerca e i costi di riproduzione di atti e documenti si applicano le tariffe previste per gli atti urbanistico- edilizi. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Video del giorno

Tutto calcolato, tra il superyacht e il ponte ci sono solo 12 centimetri

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi