Contenuto riservato agli abbonati

Imu evasa per 4 milioni a Trieste: la caccia di Esatto ai contribuenti morosi

Focus sui bollettini non onorati nel 2015. Ai 5.500 solleciti non hanno risposto in 2.400: ora la società comunale può far scattare la vendita coatta dei loro beni

TRIESTE C’è una lastra di evasione Imu da erodere che possiede la lapidea consistenza di 4 milioni di euro. Ma è la punta di un iceberg di morosità che procura qualche problema alla navigazione contabile municipale, perchè quei 4 milioni ancora inesplosi riguardano la sola annata 2015. Poi al pettine di Esatto passeranno il 2016, 2017, 2018, 2019, 2020 . Un’annualità alla volta, affinchè la sanzione sia mirata e il cittadino distratto abbia modo di farsi perdonare mediante il “ravvedimento operoso”.

Cominciamo col dire che nel dicembre dello scorso anno il dipartimento finanziario del Comune ha trasferito a Esatto la competenza sugli accertamenti Imu (Imposta municipale unica), che riguardano tutti gli immobili di proprietà a eccezione della cosiddetta prima casa.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Il Piccolo la comunità dei lettori

Video del giorno

Trieste, sabato mattina continua il presidio dei portuali

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi