Malore fatale sul bus, muore un 83enne: «Sembrava dormisse»

Un'ambulanza in azione

Un passeggero ha dato l'allarme ma i sanitari del 118 non hanno potuto fare altro che constatare il decesso

TRIESTE Sembrava si fosse addormentato, invece era morto. Un ottantatreenne è deceduto ieri mattina, attorno a mezzogiorno, a bordo della linea 5. È successo nel rione di Roiano, nei pressi della fermata di via Tor San Piero, vale a dire quella successiva al capolinea. Sono stati i passeggeri ad accorgersene e a dare l’allarme. Una persona, in particolare, ha notato che l’anziano era accasciato su un sedile con la testa appoggiata sul vetro dell’autobus e aveva gli occhi chiusi. Non dava segni di vita, non rispondeva in nessun modo alle sollecitazioni. Il passeggero si è quindi insospettito e ha immediatamente allertato il conducente della Trieste Trasporti.

L’autista ha subito fermato il veicolo e ha chiamato il 118. L’ambulanza ha raggiunto rapidamente il bus,sembra nel giro di un paio di minuti. Ma i soccorritori, quando sono arrivati in via Tor San Piero, hanno trovato l’ottantatreenne oramai già privo di vita. E non hanno potuto far altro che constatarne il decesso. L’anziano era a bordo dell’autobus già prima del capolinea di Roiano. Poi è sceso, ma è risalito e si è seduto. Probabilmente si era reso conto di non stare bene. Quindi si è adagiato sul sedile, probabilmente per riposarsi.

La mascherina che teneva al volto, come riferito da un testimone, ha impedito ai passeggeri di accorgersi immediatamente che la persona aveva un malore. Ma quella posizione innaturale assunta dall’anziano, con la testa contro il vetro e gli occhi chiusi, fortunatamente ha messo sul chi va là i presenti. L’uomo in effetti non respirava. Forse ha avuto un infarto. Da quanto risulta nessuno tra i passeggeri della 5 che in quel momento erano sull’autobus ha provato a rianimare l’ottantatreenne. Evidentemente non c’era chi era pratico di manovre di primo soccorso. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi