Contenuto riservato agli abbonati

Da Muggia a Ronchi passando per il Carso: ecco i 5 nuovi centri vaccinali

La cosa per fare il vaccino alla Centrale idrodinamica di Trieste allestita a centro per le inoculazioni. Foto Silvana

Li aprirà a breve Asugi per potenziare la campagna vaccinale in previsione di un incremento nelle prossime settimane

TRIESTE Cinque nuovi centri vaccinali da affiancare ai grandi hub inaugurati di recente. Li aprirà a breve Asugi per potenziare la campagna vaccinale in previsione di un incremento nelle prossime settimane delle fiale consegnate e delle risorse umane dedicate alle somministrazioni.

A Cormons la nuova sede verrà aperta nell’area del poliambulatorio vicino al distretto Asugi(ex Ospedale). Prevista l’attivazione di 4 p 5 postazioni. Nell’area giuliana si conta di aprire nuove sedi nella palestra comunale di Aurisina, nella palestra comunale di Ronchi dei Legionari, al Molo IV a Trieste (molto vicino all’attuale centro vaccini allestito alla Centrale idrodinamica) e a Muggia in una sede ancora da individuare. Sono quattro al momento le location individuate nella cittadina rivierasca, attualmente al vaglio per definire quale costituisca la soluzione migliore: si tratta di tre palestre scolastiche comunali e degli spazi del centro commerciale Montedoro.


Inizialmente era stata inserita tra le opzioni anche la sala parrocchiale di Zindis, ma l’ipotesi è stata subito scartata in considerazione della perifericità della sede.

A favore del centro commerciale di Montedoro, messo a disposizione - spese e vigilanza incluse - dal direttore Sergio Bavazzano nei giorni scorsi, gioca certamente la sua posizione baricentrica tra Muggia, San Dorligo e il territorio di Trieste che gravita nei pressi, affiancata alla facile accessibilità, a un'infrastruttura stradale ottimale e all’ampia possibilità di parcheggio all’interno della struttura stessa. Le palestre restano la soluzione "a chilometro zero" nonché quella più legata alla realtà muggesana.

L’attivazione del punto vaccinale a Muggia costituirà il risultato della mobilitazione partita sulla scia dell’insoddisfazione dell'utenza locale, costretta sinora a sobbarcarsi uno spostamentoper molti disagevole in direzione della Centrale idrodinamica del Porto vecchio. Alla ricerca di una soluzione, spiega il sindaco di Muggia Laura Marzi, «stiamo lavorando da giorni con Asugi, che ha accolto la mia richiesta valutando la ragionevolezza che sta dietro alla realizzazione di un centro vaccinale provinciale a Muggia, al quale potranno accedere sia i cittadini dei comuni di Muggia e San Dorligo della ValleDolina che quelli del comune di Trieste, che valuteranno più comodo scegliere Muggia come punto vaccinale».

Asugi - aggiunge ancora Marzi - «sta valutando le strutture proposte insieme ai nostri tecnici per comprenderne l’effettiva idoneità, e spero che già nei prossimi giorni saremo in grado di dare notizia della sede in via definitiva. Lo faremo insieme ad Asugi, con il direttore generale Antonio Poggiana e con il distretto 3 che presumibilmente sarà quello sul quale ricadrà l’organizzazione». —



© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Banana bread al cioccolato

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi